Uccisione Matteo Vinci con autobomba, chiesto il processo per esecutori

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

autobomba limbadi

La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio per due persone, Antonio Criniti, di 31 anni, e Filippo De Marco, di 42, con l’accusa di essere stati gli esecutori materiali dell’attentato, avvenuto il 9 aprile del 2018, in cui fu ucciso Matteo Vinci, di 42 anni, e fu ferito il padre Francesco, di 73.

Matteo Vinci ed il padre viaggiavano a bordo di un’automobile sotto la quale fu collocato un ordigno esplosivo.

L’attentato fu messo in atto, secondo quanto è emerso dalle indagini, come reazione al rifiuto della famiglia Vinci a cedere ai Mancuso un terreno di sua proprietà .

Nell’ambito della stessa inchiesta la Dda ha chiesto il processo per Vito Barbara, di 31 anni; Domenico Bertucci, di 28, e per Pantaleone ed Alessandro Mancuso, di 58 e 23 anni, accusati di coltivazione, trasporto e spaccio di sostanze stupefacenti.

Vito Barbara è imputato anche nel processo in corso in Corte d’assise, a Catanzaro, insieme a Rosaria Mancuso, con l’accusa di essere stato il mandante dell’attentato in cui fu ucciso Matteo Vinci. Il gip, Simona Manna, ha fissato l’udienza preliminare per il 6 ottobre.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM