Vibo, ferito in incidente presidente Consiglio comunale

Negli anni '90, lungo la stessa strada, morì in un incidente, che fece complessivamente 4 vittime, il fratello di Rino Putrino, Nunzio, allora ventiquattrenne, insieme alla fidanzata, Vittoria Russo, che aveva 20 anni


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
incidente vigili ambulanza
Archivio

Il presidente del Consiglio comunale di Vibo Valentia, Rino Putrino, di 60 anni, di Forza Italia, é rimasto ferito in modo non grave in un incidente stradale accaduto mentre percorreva alla guida della propria automobile la statale 280 “dei Due Mari”.

Putrino, secondo quanto é emerso dagli accertamenti della polizia stradale, ha perso il controllo della sua vettura, all’altezza del bivio per Settingiano, a causa di un animale di taglia media, un cinghiale o un cane, che ha improvvisamente attraversato la sede stradale.

La vettura, dopo alcuni testacoda, é finita contro la barriera spartitraffico. Sul posto, insieme alla Polstrada, é intervenuto il personale del 118, che ha prestato le prime cure a Putrino trasferendolo poi nell’ospedale di Catanzaro.

Il Presidente del Consiglio comunale di Vibo ha riportato una contusione cranica e lesioni varie agli arti superiori ed inferiori. Nulla, comunque, di grave.

Negli anni ’90, lungo la stessa strada, morì in un incidente, che fece complessivamente 4 vittime, il fratello di Putrino, Nunzio, allora ventiquattrenne, insieme alla fidanzata, Vittoria Russo, che aveva 20 anni.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER