Convenzione irregolare con la PA, denunce e sequestro beni

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Vibo Valentia ha eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Tribunale di Vibo Valentia, nei confronti di un dirigente pubblico vibonese.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Vibo Valentia, hanno interessato presunte irregolarità riguardanti una convenzione stipulata in data 29 maggio 2018 tra due pubbliche amministrazioni vibonesi, a seguito della quale un dirigente aveva assunto un incarico temporaneo presso la Camera di commercio, congiuntamente a quello già ricoperto presso altro Ente.

Secondo le investigazioni la citata convenzione era stata stipulata illegittimamente in quanto in contrasto con le norme vigenti, così come esplicitato dal Ministero dello Sviluppo Economico, quale Organismo di Vigilanza delle CCIAA, comportando per i sottoscrittori l’abuso d’ufficio, in concorso con il dirigente, al quale veniva procurato un illecito vantaggio patrimoniale per oltre 230.000 euro, relativo agli anni 2018, 2019 e 2020.

Per tale somma, l’Autorità Giudiziaria ha emesso un Decreto di Sequestro preventivo e di Perquisizione, eseguito dalle Fiamme Gialle vibonesi.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER