Uomo si barrica in casa e aggredisce i genitori, convinto a desistere

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici su TELEGRAM e TWITTER

ambulanza

Si è barricato in casa dall’alba minacciando gesti autolesionistici dopo avere sequestrato anche i genitori che, in un secondo tempo, sono stati allontanati dall’appartamento. A distanza di qualche ora è stato convinto a desistere.

E’ quanto accaduto a Pizzo, in provincia di Vibo Valentia. Protagonista un quarantenne che avrebbe problemi psichici. Scattato l’allarme sul posto sono intervenute le forze dell’ordine che, assieme ai sanitari del 118, sono riuscite a convincere il quarantenne circa la necessità di soccorrere la madre che ha riportato delle ferite e che è stata portata fuori assieme anche al marito e padre dell’uomo.

Il protagonista della vicenda, che non sarebbe nuovo ad episodi del genere anche se non di tale gravità, una volta uscito dall’appartamento familiare, è stato portato via e affidato alle cure dei sanitari dell’ospedale di Vibo Valentia.

Dopo che gli operatori del 118 erano riusciti a fare uscire dall’appartamento la madre e il padre del quarantenne, polizia e carabinieri avevano circondato la palazzina mantenendo uno stretto contatto con l’uomo nel tentativo, poi andato a buon fine, di farlo recedere dalle sue intenzioni. La donna ha riportato delle lievi ferite da taglio al braccio, alla testa e al petto per le quali è stata medicata sul posto.