‘Ndrangheta, imputato in Rinascita-Scott ottiene i domiciliari per il figlio malato

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

È imputato nel processo “Rinascita Scott” alle cosche di ‘ndrangheta del vibonese ed ha un figlio minore affetto da una grave malattia. Per questo motivo Raffaele Cugliari, di 46 anni, presunto esponente della cosca Bonavota, ha ottenuto dal Tribunale del riesame di Catanzaro il beneficio degli arresti domiciliari.

I giudici hanno accolto l’istanza presentata dai difensori di Cugliari, gli avvocati Luca Cianferoni e Vincenzo Gennaro, che si sono appellati alla legge Mammo, che consente anche agli imputati di associazione per delinquere di stampo mafioso, in specifici casi, di ottenere gli arresti domiciliari.

“Si è trattato – hanno commentato gli avvocati Cianferoni e Gennaro – di un’ applicazione illuminata ed attenta della legge Mammo”.