Meteo, piogge al centro-Nord, primavera al Sud

Black Friday Carlomagno novembre 2018

maltempo allagamenti pioggiaForti piogge al centro-Nord e caldo primaverile al Sud. E’ un’Italia spaccata in due quella che si appresta ad affrontare nuove allerta meteo nel settentrione e un abbassamento delle temperature nel meridione, con l’arrivo di probabili piogge. Forti rovesci e temporali hanno caratterizzato la domenica nel centro-Nord Italia, con accumuli di pioggia intorno ai 50-100 litri al metro quadrato. La colonnina di mercurio ha invece raggiunto anche i 25 gradi sulla Sicilia.

Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse per domani, con allerta arancione su Emilia Romagna, le zone nord occidentali della Toscana e alcuni bacini della Liguria, regione in cui la situazione è sensibilmente peggiorata nelle ultime ore. Una frana di grosse dimensioni si è staccata lungo la via Aurelia nel Savonese, costringendo ad interrompere la viabilità in entrambi i sensi di marcia. Altre frane hanno interessato l’Imperiese, dove è stata chiusa la provinciale per Diano Arentino. E le scuole resteranno chiuse domani in gran parte dei Comuni del Tigullio.

Allerta gialla su parte della Lombardia, sul resto della Toscana, sull’Umbria, sulle zone interne delle Marche e dell’Abruzzo. Stesso avviso anche su tutto il territorio del Lazio, su alcuni bacini del Molise e della Basilicata, su gran parte della Campania e sul versante tirrenico centro-settentrionale della Calabria.

Già dal primo mattino di domani sono previsti venti forti occidentali, con raffiche fino a burrasca forte, su Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, specie lungo i rilievi delle zone peninsulari e sulle coste della Sicilia. Saranno possibili anche mareggiate lungo le coste esposte. Dal mattino di domani si prevedono precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Campania. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Pioggia e neve oggi hanno colpito il Piemonte, con il pericolo valanghe che continua ad aumentare in montagna. Frane, smottamenti e tombini saltati si sono registrati, invece, a Genova. A causa dell’intensa pioggia, alcune strade si sono allagate, mentre rami e alberi caduti hanno creato qualche disagio in tutta la provincia. La Protezione Civile dell’Emilia Romagna attende per la nottata la piena di alcuni corsi d’acqua.

Per precauzione, a seguito di una frana a Marano di Gaggio Montano, è sospesa la circolazione sulla ferrovia Porrettana tra Porretta Terme e Riola, nel Bolognese. Allerta fiumi anche a Modena, dove è stata disposta la chiusura di alcuni ponti per il rischio piena: Ponte Alto e ponte dell’Uccellino sul Secchia, ponte vecchio di Navicello sul Panaro ed eventualmente anche la strada Curtatona. Intanto la Regione Liguria, per voce del suo assessore alla protezione Civile, Giacomo Giampedrone, ha annunciato un esposto per contestare la scelta di un sito meteo specializzato di lanciare un post in cui si parlava di “allerta rossa” sul territorio. (Domenico Palesse/Ansa)