26 Settembre 2022

Arriva il maltempo nelle Marche, Curcio: “Sfollati via da tendopoli”

Correlati

Arriva il maltempo nelle Marche, Curcio: "Sfollati via da tendopoli"Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse, in particolare elle zone colpite dal Sisma. Il maltempo, partendo dalla serata di oggi, porterà venti forti settentrionali con raffiche di burrasca a Nord, su Piemonte e Lombardia e, dalla mattinata di domani, sulle Marche, con possibili mareggiate lungo le coste esposte.

Da domani si prevedono precipitazioni temporalesche, sulle Marche e in estensione dal pomeriggio su Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise. Sono previste piogge di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la giornata di domani allerta arancione per rischio idraulico diffuso sui settori meridionali dell’Appennino marchigiano e per rischio idrogeologico sul versante orientale dell’Umbria. Sono in allerta gialla invece i restanti settori di Marche e Umbria, il Lazio, l’ Abruzzo, il Molise e gran parte della Puglia e del Veneto.

Proprio per l’imminente peggioramento del meteo nelle regioni colpite dal terremoto, il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio ha fatto sapere di voler chiudere presto le tendopoli ove sono accampati temporaneamente gli sfollati. Lungo l’appennino marchigiano le temperature possono calare e le tendopoli della Protezione non sono adatte per riscaldamenti.

Secondo Curcio questo va fatto “il prima possibile, già dalla prossima settimana” perché “il meteo cambierà, il clima rischia di diventare più rigido, dobbiamo spostare subito le categorie di persone più fragili”, ha detto nel corso di una riunione coi vertici della Regione Marche, il commissario al post terremoto Vasco Errani, e i sindaci dei comuni del cratere marchigiano.

Intanto, il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni è tornato a proporre l’utilizzo dei prefabbricati di Expo. “Le case prefabbricate del campo base – ha detto Maroni – sono a disposizione della protezione Civile e del commissario. Si possono smontare e rimontare dove serviranno in poche settimane, non in sette mesi”.

E per verificare la fattibilità dell’operazione, già domani alcuni tecnici della Regione Lombardia, che conoscono le caratteristiche dei moduli Expo e le necessità urbanistiche che richiedono, saranno a Rieti per incontrare i tecnici delle zone colpite.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Russia-Ucraina, Putin mobilita l’esercito: “L’Occidente ha superato i limiti di aggressione”

Spirano venti di guerra globale. Chiamati 300mila riservisti. Il presidente della federazione russa avverte: "L'Occidente ha deciso per la minaccia nucleare contro di noi. Io dico all'Occidente (e alla NATO): "Abbiamo parecchie armi per rispondere. Non è un bluff". Intanto è stato indetto un Referendum per l'indipendenza del Donbass

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER