Colonna di cenere dall’Etna, chiuso l’aeroporto di Catania

Carlomagno campagna novembre 2018
Eruzione Etna
Un’eruzione dell’ Etna (Archivio Ingv)

Un’altissima colonna di cenere lavica è emessa dal nuovo cratere di Sud-Est dell’Etna, che continua la sua attività eruttiva. La nuova fase ha fatto chiudere la notte scorsa l’aeroporto internazionale di Catania che resterà non operativo fino a mezzogiorno. Un’ora prima tornerà a riunirsi l’Unità di crisi.

Le spazzatrici hanno ripulito la pista dalla cenere lavica, ma la situazione resta critica. E’ invece aperto lo scalo di Comiso (Ragusa). Il codice Vona Rosso, allerta rosso sugli spazi aerei, è stato emesso dall’ Ingv di Catania che monitora l’attività del vulcano che prosegue con la stessa energia di ieri: dal nuovo cratere di Sud-Est continua l’attività “stromboliana” con boati, esplosioni, fontane di lava, emissione di cenere e di una colata lavica.

Il fronte più avanzato del ‘braccio’ è fermo nella parete alta della desertica Valle del Bove. Il tremore registrato nei condotti magmatici interni del vulcano è sui valori di ieri, assente l’attività sismica.(Ansa).