Rampa crollata a Fossano, Anas: “Forse causa per vizi di costruzione”


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
L'auto dei Carabinieri dopo crollo della rampa a Fossano
(Ansa/Sasso)

Potrebbe essere stato causato da “vizi costruttivi dell’opera” il cedimento dello svincolo per Marene della tangenziale di Fossano (Cuneo). E’ quando afferma in un comunicato l’Anas. Ai primi rilievi tecnici, appare infatti “anomalo il cedimento improvviso e così repentino della campata, senza alcuna preventiva evidenza di problematiche strutturali, tenuto anche conto che l’opera è stata realizzata negli anni ’90 e che al momento del cedimento non era interessata da carichi significativi”.

“Il problema non è di cattiva manutenzione, anche perché la strada è piuttosto recente – spiega l’assessore alle Infrastrutture della Regione Piemonte, Francesco Balocco -. Forse il problema, ma è tutto da chiarire, risale alla costruzione stessa dell’opera, qualche difetto di costruzione la cui origine è oggetto dell’inchiesta in corso”.

L’intera area è stata posta sotto sequestro per consentire i rilievi ai tecnici dell’Anas e a quelli della Procura di Cuneo, che ha avviato una inchiesta per accertare eventuali responsabilità.

Nel crollo di martedì si sono miracolosamente salvati due carabinieri che stavano effettuando dei posti di blocco. I militari, sentiti alcuni scriccolii provenire dal ponte si sono subito allontanati. Appena qualche secondo e la rampa è crollata schiacciando l’auto di servizio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM