8 Dicembre 2021

Battisti, la Corte brasiliana rinvia decisione a prossima settimana

Stessa categoria

Cesare Battisti
Cesare Battisti

I giudici del Tribunale Supremo Federale brasiliano hanno deciso di rinviare alla prossima settimana l’esame del caso di Cesare Battisti.

Il Tribunale regionale federale della terza Regione, con sede a San Paolo, in Brasile, aveva deciso all’unanimità di mantenere le misure cautelari alternative al carcere per Battisti: lo scrive il sito del quotidiano ‘Folha de S.Paulo’.

Lo scorso 7 ottobre, un giudice dello stesso tribunale aveva concesso la libertà all’ex terrorista – arrestato a Corumba’ per traffico illegale di valuta e riciclaggio – a condizione che non lasciasse la zona di residenza senza autorizzazione previa della giustizia e che si presentasse ogni mese davanti ai magistrati.

In caso di estradizione “gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno”. A inveire di nuovo contro Roma sui media brasiliani è Cesare Battisti, a poche ore dall’udienza di oggi dell’Alta Corte di Brasilia che sarà determinante per il via libera o meno alla sua consegna all’Italia. La decisione è stata rinviata.

L’ex terrorista ha parlato di “odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere – ha detto – sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere… ho paura della violenza fisica da parte dell’Italia”.

Non solo: “Loro hanno già dimostrato in diverse occasioni che sono capaci di tutto”, ha affermato l’ex terrorista, precisando di non temere la giustizia brasiliana ma di aver “paura” invece di “un’operazione illegale con mercenari italiani”, visto che “hanno cercato di sequestrarmi nel 2015” oltre al “problema 15 giorni fa a Corumbà”, nel nord della Bolivia.

Battisti ritiene che non sarà estradato: “Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni” dall’approvazione. L’ex militante dei Proletari armati per il comunismo attende l’udienza a casa di un amico a Cananeia, nel litorale di San Paolo, insieme al figlio Raul, di 4 anni, e alla compagna Priscila Pereira, docente di 31 anni e madre del bambino.

La difesa intende porre come argomentazione chiave per ottenere la conferma della sua permanenza in Brasile il fatto che è lui a sostenere economicamente la famiglia. Questo è il punto tra l’altro sollevato in una lettera che la donna ha inviato alla presidente dell’Stf, Carmen Lucia, testo nel quale si sottolinea in particolare la forte “dipendenza economica e affettiva del figlio”.

Nell’udienza di oggi, la Corte Suprema di Brasilia esaminerà l’habeas corpus richiesto dai legali di Battisti. Anche se non sono ancora chiari i tempi della decisione, né soprattutto quale sarà l’esito, di fatto c’è che finora l’habeas corpus blocca ogni possibilità di estradizione in Italia. Uno degli aspetti giudiziari dei quali si è parlato in questi giorni è quello dell’approccio che l’Stf sceglierà di avere nei confronti del caso: in particolare se ad affrontarlo domani sarà la prima sala dell’Alta Corte oppure la plenaria.

Il dossier è complesso ma qualche indicazione c’è. Fonti locali rilevano che con ogni probabilità sarà appunto la prima sala ad affrontare il caso. I cinque giudici del collegio potrebbero poi decidere di passare la palla proprio alla plenaria.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER