3 Marzo 2024

Due anni fa il primo devastante terremoto nel Centro Italia

Il 24 agosto 2016 una scossa con magnitudo 6.0 rase al suolo Accumoli, Amatrice, Arquata e Pescara del Tronto. Fiaccolata per ricordare le trecento vittime

Correlati

uomo estratto vivo macerie terremoto 24 agosto 2016
Un uomo estratto vivo dalle macerie nel sisma del 24 agosto 2016 (Ansa)

Sono passati due anni dal primo devastante terremoto nel Centro Italia in cui persero la vita trecento persone. Il 24 agosto 2016, alle 3.36 di notte, una forte scossa con magnitudo 6.0 della scala Richter rase al suolo Accumoli, Amatrice (Rieti), Pescara del Tronto, e Arquata del Tronto (Ascoli Piceno), provocando ingenti danni in altri paesi di quelle regioni.

Per commemorare le vittime a Pescara del Tronto è stata fatta una fiaccolata e una messa nel campo giochi, dove vennero composte le salme estratte dalle macerie: vi hanno partecipato centinaia di persone, tra cui il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il sindaco Aleandro Petrucci, rappresentanti della Regione Marche, di altri Comuni, associazioni, comitati e soprattutto i parenti delle vittime, Sono tornati anche alcuni dei soccorritori che operarono nel piccolo paese, affollato di villeggianti romani (molta gente del posto da anni vive nella capitale, ma torna durante l’estate) all’epoca del terremoto.

Il borgo che sorgeva su uno sperone roccioso non c’è più e non si sa se e dove sarà ricostruito, i residenti si sono trasferiti nel villaggio delle Sae a valle, il campo giochi è diventato un memoriale per i morti del sisma di due anni fa i cui volti sono stampati in magliette appese alla recinzione; giovani, anziani, bambini.

Terremoto Lazio Marche
Amatrice distrutta dal sisma (Ansa)

Un corteo silenzioso, di preghiera e commozione con in testa il vescovo di Ascoli Piceno, Giovanni D’Ercole, che durante la messa ha chiesto di costruire case “in modo che non ci faccino più paura”, una ricostruzione che non sia “maquillage”. Qui il sisma è ancora un ferita aperta: per la ricostruzione che stenta a ripartire, per il ricordo straziante delle persone care che non ci sono più.

Fiaccolata ad Amatrice

Alcuni ragazzi hanno letto brani da loro stessi scritti per raccontare l’esperienza vissuta quella notte, che a Pescara del Tronto era una notte di festa, parole toccanti, di paura e smarrimento, prima della commemorazione alle 3:36, l’ora della prima scossa, delle vittime, i cui nomi sono stati letti dal parroco don Nazzareno accompagnati da un rintocco di campana. Conte ha osservato un silenzio rispettoso, solo alla fine si è fermato a parlare con alcuni familiari delle vittime, ha annuito ad un arquatano che lo ha esortato: “Ora diamogli sotto”. Poi un breve contatto con un comitato di terremotati che gli aveva inviato una lettera, prima di allontanarsi.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Genocidio dei palestinesi, Orsini: “Gaza e l’Olocausto”

di Alessandro Orsini su X "Gaza e l’Olocausto. Siccome nella scienza tutte le domande sono lecite, chiedo a voi: quale...

DALLA CALABRIA

Traffico e incendio di rifiuti tossici, due arresti nel reggino

I Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno eseguito stamane un’ordinanza di misura cautelare personale nei confronti di associazione...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)