31 Gennaio 2023

Papa Francesco “preso” da una fedele la picchia sulle mani, poi si scusa

Correlati

Una fedele troppo “aggressiva” e Papa Francesco perde la pazienza. Dopo la solenne celebrazione del Te Deum, il Pontefice è sceso in piazza San Pietro per ammirare il presepe plastic free donato dalla Regione Autonoma del Trentino e si è avvicinato ai fedeli.

Una donna ha afferrato la mano del Papa, tirando a sé il braccio del Pontefice. Francesco, per liberarsi, ha dovuto usare le maniere forti: per sfilarsi il braccio ha dovuto dare due “schiaffi” sulla mano della pellegrina, dicendo: “Ehi, ehi…lasciami andare…”. Una volta liberatosi il Papa ha proseguito il suo cammino e si vede chiaramente stizzito, come mostrano le immagini del video.

Papa Francesco oggi si è però scusato. “Gesù non ha tolto il male dal mondo ma lo ha sconfitto alla radice. La sua salvezza non è magica, ma “paziente”, cioè comporta la pazienza dell’amore, che si fa carico dell’iniquità e le toglie il potere”, ha detto Bergoglio prima dell’Angelus. Poi, parlando a braccio, ha sottolineato: “A volte perdiamo la pazienza. Anche io. E chiedo scusa per il cattivo esempio di ieri”.

Intanto, su twitter e facebook, il video viene rilanciato con una valanga di commenti negativi nei confronti del pontefice. “Dio perdona, Bergoglio no”. “Buon proposito per il 2020: allontanare le persone tossiche come solo il Papa sa fare”.

Il tweet di Daniele Capezzone: “Oggi papa Bergoglio si recherà presso un ospizio a dare due sganassoni alle vecchiette presenti. Seguirà pranzo con strattonamento di mendicanti e calcio in culo al passante più fortunato”. Tra i politici anche il tweet di Guido Crosetto: “Oggi il Papa ha dedicato la predica al rispetto della donna. Ispirato dalla fedele di ieri…”.

Marcello Veneziani: “Papa Manesco I: Mai visto un papa azzuffarsi coi fedeli; altro che accoglienza e ponti, siamo alle comiche finali”.

Ma molti sono i commenti a difesa, anche memori della aggressione a Papa Benedetto XVI la notte di Natale del 2009: “Sono disgustato dagli interventi pieni di astio, sui social, verso il Papa. Stava per finire a gambe levate – fa notare un utente di twitter -, strattonato da una persona senza senso della misura. Ha reagito come naturalmente avrebbe fatto chiunque”.

 

IL VIDEO


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Messina Denaro, perquisita la casa dell’ex amante del boss

Perquisite le abitazioni di Maria Mesi e del fratello Francesco, già coinvolti in una inchiesta perché ritenuti fiancheggiatori del capomafia

DALLA CALABRIA

Elezioni provinciali a Vibo, L’Andolina (centrodestra) è il nuovo presidente

Il sindaco di Zambrone - nelle elezioni in cui partecipano solo amministratori e consiglieri comunali -, è stato eletto con il 57,65% dei voti, battendo il candidato del centrosinistra, sostenuto anche dal Terzo polo, Giuseppe Condello, sindaco di San Nicola da Crissa, che si è fermato al 42,35%.

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER