1 Marzo 2024

10 anni fa veniva ucciso in Iraq l'agente del Sismi Nicola Calipari

Correlati

Nicola Calipari
Nicola Calipari

Dieci anni fa, il 4 marzo 2005, moriva Nicola Calipari, l’agente del Sismi che stava riportando a casa Giuliana Sgrena, la cronista del “Manifesto” rapita in Iraq dagli jihiadisti. L’Aula della Camera lo ha ricordato questa mattina mentre a Reggio Calabria si è tenuta una cerimonia di commemorazione in suo onore.

Calipari stava viaggiando con la giornalista su un’auto verso l’aeroporto di Baghdad dal quale devono partire per tornare in Italia. L’auto a pochi metri da un posto di blocco statunitense viene crivellata di colpi dal ‘fuoco amico’ Usa. Calipari fa scudo alla Sgrena, che viene ferita, e viene ucciso da un colpo che lo raggiunge alla testa. Gli americani stanno presidiando quella strada dalla quale deve passare l’ambasciatore Usa in Iraq.

Il soldato americano che ha sparato con una mitragliatrice alla Toyota sulla quale stavano viaggiando Sgrena e Calipari, Mario Lozano, dopo la richiesta di rivio a giudizio viene prosciolto dalla Corte d’Assise che  non può procedere per difetto di giurisdizione perchè le forze multinazionali in Iraq ricadono sotto la giurisdizione penale esclusiva dei rispettivi paesi d’invio.

Giuliana Sgrena
Giuliana Sgrena all’arrivo in Italia

Il ricordo della Camera – “Ricordare la figura di Nicola Calipari non è un atto formale e rituale” ma vuol dire “rendere omaggio a una figura che non ha esitato a sacrificare la propria vita” e avere “un’occasione per riflettere sulle drammatiche conseguenze dei conflitti armati, sulla ferocia del fanatismo e sulla necessità di contrapporre armi fondamentali come la democrazia, la solidarietà e la pacifica convivenza fra i popoli”. Lo dice la presidente di Montecitorio in Aula alla Camera in occasione dei dieci anni dalla morte del dirigente della Polizia ucciso a Bagdad mentre stava riportando in Italia la giornalista Giuliana Sgrena. L’Aula di Montecitorio ha risposto con un lungo applauso.

Cerimonia a Reggio Calabria – Si è svolta nella questura di Reggio Calabria una cerimonia per il decennale della morte di Nicola Calipari, il dirigente della Polizia di Stato ucciso nel 2005 a Bagdad mentre stava riportando in Italia la giornalista Giuliana Sgrena liberata dopo il suo rapimento. Alla cerimonia hanno partecipato dirigenti e dei funzionari della questura di Reggio Calabria ed una delegazione dell’Anps.

Durante la commemorazione si è tenuto un breve momento di preghiera e di raccoglimento con la partecipazione del Cappellano della Questura don Pasqualino Catanese, seguito dalla deposizione di fiori presso il monumento ai Caduti della Polizia di Stato.

L’iniziativa è stata fortemente voluta dal Questore Raffaele Grassi che ha conosciuto personalmente Nicola Calipari essendo stati entrambi colleghi presso il Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale della Polizia Criminale. A Reggio Calabria, inoltre, nel 2005 è stata intitolata la sala riunioni della Questura. Il Questore Grassi ha ricordato il collega come un uomo che credeva fortemente nello Stato e che serviva con dedizione e passione le istituzioni per garantire la libertà e la sicurezza ai cittadini.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Da Israele nuovo massacro a Gaza. Uccisi oltre cento palestinesi in coda per il cibo

Nuova carneficina dell'esercito israeliano nella Striscia di Gaza. Oltre cento palestinesi sono stati uccisi mentre erano in fila per...

DALLA CALABRIA

Traffico di rifiuti speciali tra Italia e Tunisia, numerosi arresti

Dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Napoli, Salerno, Potenza, Catanzaro, personale della Direzione investigativa antimafia e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)