5 Marzo 2024

Verbania, rubavano e facevano "Bye Bye". Presi i ladri di 47 furti al Nord

Correlati

Uno dei ladri mentre fa ciao dopo i furti a Verbania
Uno dei ladri mentre fa “bye bye” dopo i furti a Verbania e altre città del centronord

Impiegavano quattro minuti a svaligiare i depositi delle ditte di spedizione di tutta Italia e, al termine dei furti rivolti alle telecamere di videosorveglianza facevano un beffardo “bye bye” con la mano. Quel saluto era diventato la firma della banda sgominata dai carabinieri di Verbania (Piemonte).

Tre le persone arrestate, di origine romena, con l’accusa di avere messo a segno nell’ultimo anno qualcosa come 47 furti – sempre con la stessa tecnica – per un bottino complessivo di circa un milione e mezzo di euro.

A far scattare l’operazione “Bye bye”, come l’hanno ribattezzata i militari dell’Arma, sono state proprio le immagini dei sistemi di sorveglianza. Grazie a quei frame è stato infatti possibile individuare l’auto utilizzata dalla banda e risalire così alla identità dei suoi membri. In manette sono finiti Adrian Ciobanu, 36 anni, l’autista della gang, Constantin Papura, 40 anni, e Ciprian Iovita, 34 anni.

La tecnica era sempre la stessa, proprio come quel saluto-beffa finale. La banda entrava in azione nelle prime ore della notte. Ciobanu aspettava in auto, il motore acceso pronti a fuggire, mentre i due complici entravano in azione. Il più robusto si occupava di mandare in frantumi il vetro a forma di oblò della porta d’ingresso, poi aiutava il più magro a infilarsi all’interno. A quel punto aprire la porta di emergenza, per portare via la merce, era un gioco da ragazzi.

La banda, che aveva la sua base a Torino, agiva in tutta Italia. Secondo i carabinieri i colpi sono stati commessi a Novara, Lucca, La Spezia, Pisa, Verbania, Torino, Piacenza, Cuneo, Bergamo, Biella, Genova, Verona, Parma, Varese, Asti, Alessandria, Ferrara, Brescia, Lodi e Reggio Emilia. Una raffica di 47 furti, come è stato possibile accertare grazie agli ulteriori elementi investigativi raccolti perquisendo l’abitazione torinese dei tre malviventi.

L’arresto è stato eseguito su disposizione del gip del tribunale di Verbania; i tre romeni sono stati associati presso la Casa Circondariale “Lo Russo e Cotugno” del capoluogo piemontese. Le filiali locali delle ditte di spedizione, per le quali la banda era diventata un vero e proprio incubo, possono così tirare un sospiro di sollievo, mentre le indagini proseguono. I militari dell’Arma vogliono infatti accertare se a carico della banda ci siano eventuali altre responsabilità.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Nazioni Unite: “Gaza è una polveriera che può innescare una guerra più ampia”

Il capo dei Diritti umani dell'Onu Volker Turk afferma che è essenziale evitare una conflagrazione del conflitto, che potrebbe avere ripercussioni sulla regione del Medio Oriente e oltre

DALLA CALABRIA

‘Ndrangheta, condannato a 20 anni un pentito accusato di aver ucciso il padre

Il gip di Vibo Valentia, Barbara Borelli, ha condannato a 20 anni di reclusione, con l'accusa di omicidio, occultamento...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)