1 Ottobre 2022

Napoli, il maresciallo Alfredo Palumbo uccide la moglie Consuelo Molese, il figlio e si suicida

Correlati

Il palazzo di vico bagnara dov'è successa la tragedia a napoli (Il Mattino)
Il palazzo di Vico Bagnara dov’è successa la tragedia a Napoli (Il Mattino)

NAPOLI – Un altro dramma familiare, questa volta a Napoli. Un maresciallo dei Carabinieri, Alfredo Palumbo, di 43 anni, ha ucciso a colpi di pistola la moglie Consuelo Molese di 42 anni e il figlio Francesco di 11 anni e poi si è suicidato. La tragedia è successa nella notte in un’appartamento di vico Bagnara, non lontano dalla centrale piazza Dante, nel centro storico partenopeo.

A scoprire i cadaveri, ancora in pigiama, è stato uno stretto congiunto delle vittime che in mattinata si è recato a casa della famiglia dopo che non riceveva risposte via telefono.

Vico Bagnara dov'è successo il dramma di Napoli
Vico Bagnara dov’è successo il dramma di Napoli (Ansa)

Appena giunto nell’abitazione, ha aperto la porta con una copia della chiave che aveva con sé è ha fatto la terribile scoperta. Secondo quanto si è appreso, il corpo senza vita della donna è stata trovata nella camera matrimoniale, quello del figlio e dell’uomo nella stanza del bambino.

Sul posto sono giunte alcune pattuglie della Polizia di Stato e la Scientifica dei Carabinieri che stanno effettuando i rilievi del caso. Sul luogo della tragedia si è recato anche il magistrato di turno. Ignote al momento le cause della strage familiare.

Gli inquirenti ipotizzano che il maresciallo avrebbe ucciso con l’arma d’ordinanza prima la moglie Consuelo Molese e poi il figlio Francesco per poi suicidarsi nella cameretta del bambino. La dinamica e l’ora del decesso saranno accertate dopo i rilievi della Scientifica e dopo l’autopsia sui corpi delle vittime.

i corpi vengono portati via
I corpi senza vita vengono portati via dall’abitazione

Gli investigatori stanno sentendo alcune persone dello stabile per accertare se la scorsa notte abbiano sentito rumori e urla provenienti dall’abitazione del sott’ufficiale dell’Arma. Al momento non si esclude nessuna ipotesi. Cioè che l’uomo possa avere agito al culmine di una violenta lite con la consorte, oppure che abbia ucciso i familiari nel sonno per poi togliersi la vita.

IL DRAMMA DI COSENZA

Un dramma, quello di Napoli che si consuma a due giorni di distanza dall’omicidio-suicidio avvenuto a Cosenza, dove un appuntato dei Carabinieri, Francesco De Vito, ha ucciso a coltellate la moglie Fiorella Maugeri e poi si è suicidato con la pistola d’ordinanza. Tutto sotto gli occhi della figlia di 17 anni. 5 giovani vite spezzate nel giro di poche ore per motivi ancora incomprensibili. Un doppio dramma per tutta l’Arma dei Carabinieri.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

“Mondo di Mezzo”, la Cassazione condanna in via definitiva Buzzi e Carminati

La sentenza ieri sera. I supremi giudici della Seconda sezione penale della Suprema Corte hanno convalidato in via definitiva le condanne a dieci anni per Carminati e a 12 anni e dieci mesi per Buzzi. L'ex ras delle cooperative dopo la pronuncia dei giudici è stato arrestato dai Carabinieri del Ros in Calabria. Deve espiare la pena residua di 7 anni e 3 mesi. Carminati è già in carcere.

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER