10 Agosto 2022

Isis, Maroni come Essid: "Se serve chiudere le moschee"

Stessa categoria

Musulmani raccolti in preghiera in una moschea - Maroni vuole la chiusura dei centri di culto islamico in LombardiaMILANO – Il governatore della Lombardia Roberto Maroni, vuole percorrere la stessa strada intrapresa dal primo ministro della Tunisia Habib Essid che, all’indomani della strage di Sousse, ha chiuso ottanta moschee dove le autorità hanno accertato che si “spargevano veleni e si predicava l’odio” contro gli “infedeli” occidentali.

Secondo il presidente Maroni quella del governo tunisino è “una strada da seguire” e “se serve, bisogna chiudere le moschee”. Maroni, a margine all’udienza della Corte dei Conti per la parificazione del bilancio della Regione Lombardia, ha spiegato che “la Tunisia non è certo un paese contro l’Islam” e “speriamo che il ministero dell’Interno (Alfano, ndr) non si faccia prendere da ideologismi”.

Solo a Milano ci sono circa 100mila musulmani che pregano in 15 tra sale, magazzini e capannoni. Tra cui le tre più grandi aree dove il venerdi la comunità islamica si reca per pregare: il Palasharp di Segrate, che già ospita temporaneamente il venerdì la comunità del Centro islamico di viale Jenner, gli ex bagni fascisti di via Esterle (ora una carrozzeria abbandonata) e l’area di via Marignano, vicino San Donato milaneese. Il comune aveva indetto un bando per la costruzione di tre luoghi di culto.

In Lombardia sono oltre 120 le sale di preghiera che sono frequentate da migliaia di musulmani. I timori del governatore sono che tra questi luoghi di culto possano “insidiarsi” potenziali fedeli al jihad, adepti del Califfato.

Il capogruppo del Patto civico in Regione Lombardia, Lucia Castellano respinge l’idea del governatore Maroni: “Negare la libertà di culto violando uno dei diritti sanciti dalla nostra Costituzione non garantisce più sicurezza, al contrario”: così ha commentato la posizione del governatore .

Dal centrosinistra regionale è stata criticata anche la difesa da parte della Giunta delle legge regionale sui nuovi luoghi di culto, la cosiddetta “legge antimoschee” impugnata dal Governo nei mesi scorsi. “A differenza di quanto vogliono far credere, non fa nulla per combattere l’abusivismo e anzi, per come è scritta, incentiva il proliferare di situazioni opache”, ha rimarcato il consigliere regionale del Pd Jacopo Scandella.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Bus per Medjugorje sbanda ed è strage, morti 12 pellegrini polacchi

Un bus polacco si stava recando per un pellegrinaggio da Varsavia a Medjugorje. Sabato mattina è uscito fuori strada. Le vittime potrebbero essere di più. Feriti gravi. Tra le ipotesi un probabile colpo di sonno dell'autista

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER