27 Febbraio 2024

Molise, crolla cupola della Chiesa. Muore operaio Giuseppe Mancini

Correlati

Foto bara con morto crollo Molise
(Ansa)

Tragedia a Pietralcatella, piccolo borgo di 1.600 anime in provincia di Campobasso. Un operaio è morto e altri due sono rimasti feriti nel crollo della cupola della Chiesa di Pietracatella (Campobasso) dove sono in corso lavori di ristrutturazione. Sul posto forze dell’ordine e soccorritori. La vittima si chiama Giuseppe Mancini, di 53 anni.

Secondo quanto appreso, i lavori nella Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli erano cominciati da pochi giorni. Ancora non si conoscono le cause. Probabilmente un cedimento improvviso dovute alle crepe apparse dopo il sisma del Molise.

ll crollo ha interessato una cupola laterale della Chiesa che sorge di fronte alla chiesa principale del piccolo centro molisano. Sul posto carabinieri, amministratori e cittadini increduli. L’incidente che ha coinvolto tre operai – un morto e due feriti ora in ospedale a Campobasso – è avvenuto attorno alle 13.20. I lavori rientrano appunto nella ricostruzione post terremoto del Molise, dove la Chiesa era rimasta danneggiata. La ditta edile è di un paese vicino, Gambatesa. Anche gli operai sarebbero della zona del Fortore molisano.

Dopo aver dato la notizia del crollo in consiglio regionale, il presidente del Molise, Paolo Di Laura Frattura si è recato sul luogo dell’ incidente. Con lui anche il consigliere regionale delegato alla Ricostruzione e Protezione Civile, Salvatore Ciocca. Il presidente del Consiglio regionale del Molise, Vincenzo Niro, ha subito sospeso la riunione che è sta aggiornata al 4 agosto.

La vittima, Giuseppe Mancini di 53 anni, e i due feriti, sono tutti di Riccia (Campobasso) paese a poca distanza dal luogo della tragedia. Stavano lavorando da pochi giorni ai lavori per la ristrutturazione della chiesa del paese danneggiata nel sisma che colpì il Molise il 31 ottobre del 2002. I due operai feriti sono stati trasportati all’ospedale Cardarelli di Campobasso.

Erano gravi ma coscienti, sotto choc, chiedevano aiuto”. Così il primo soccorritore del 118 arrivato alla chiesa a proposito delle condizioni dei due operai feriti. Un terzo non ce l’ha fatta. “C’era tanta polvere, non si vedeva nulla, c’erano calcinacci e due operai che si muovevano appena e chiedevano aiuto mentre una terza persona era immobile e non parlava. Appena abbiamo sentito il rumore siamo subito entrati e abbiamo visto che era crollata una volta nella parte destra dell’ edificio delle chiesa”, ha raccontato un testimone entrato subito appena sentito il boato. Il comune di Pietracatella dista una ventina di chilometri da Campobasso, nel Basso Molise, ai confini con la provincia di Foggia. Conta 1.600 abitanti.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Stoltenberg smentisce Macron: “La NATO non ha intenzione di inviare truppe in Ucraina”

Il presidente francese non aveva escluso questa ipotesi. Ira di Le Pen. Contrari i paesi dell'Est. Il primo ministro slovacco Robert Fico aveva dichiarato che alcuni membri dell’UE e dell'Alleanza atlantica stanno valutando la possibilità di inviare truppe militari nel paese di Zelensky sulla base degli accordi bilaterali con Kiev. Mosca osserva

DALLA CALABRIA

Truffa e peculato, interdette 4 persone, tra cui un medico e 2 infermieri

Operazione di carabinieri e finanzieri. Coinvolto anche un imprenditore del cosentino. Secondo la procura di Catanzaro avrebbero sottratto dispositivi medici e farmaci all'azienda ospedaliero universitaria "Dulbecco" per scopi privati

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)