7 Dicembre 2021

Lucca, è giallo sulla "strana" morte di Nicola Barsotti

Stessa categoria

Le mura di Lucca dove è stato trovato con la gola tagliata Nicola Barsotti
Le mura di Lucca dove è stato trovato con la gola tagliata Nicola Barsotti (Ansa)

Strana morte di un uomo a Lucca. Nicola Barsotti, 26 anni, di San Vito è morto la notte scorsa nei pressi delle Mura di Lucca in circostanze misteriose. L’uomo, ritrovato sotto gli spalti della cerchia urbana, aveva una profonda ferita alla gola e in altre parti del corpo.

La polizia non esclude possa trattarsi di suicidio anche se, da quanto appreso, un secondo uomo è stato visto allontanarsi repentino dal luogo dell’accaduto. Poco prima, Nicola Barsotti, si sarebbe presentato in Questura con un coltello in mano. Poi sarebbe andato via.

Una pattuglia avrebbe intercettato Nicola Barsotti mentre correva verso le mura infliggendosi ferite sul corpo. In quel momento un agente lo avrebbe raggiunto provando a salvarlo bloccando le emorragie. Sembrerebbe un suicidio. Uno “strano” suicidio “itinerante”. Perché negli stessi istanti al pronto soccorso dell’ospedale di Lucca si è presentato un altro uomo che presentava ferite da arma da taglio e gli inquirenti stanno cercando di capire se le due cose siano collegate o meno.

Sul posto sono subito intervenuti le Forze dell’Ordine e gli uomini del 118 che non hanno però potuto far altro che constatare il decesso di Nicola Barsotti. Si indaga sulle cause che avrebbero spinto il giovane al possibile suicidio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER