Pirata della strada falcia e uccide a Bologna donna polacca. Ricercato

Carlomagno Nuova Jeep Compass Aprile 2021
Il luogo dove Teresa è stata travolta e uccisa dal pirata a Bologna
Il luogo dove Teresa è stata travolta e uccisa dal pirata a Bologna (photo da Resto del Carlino)

Ancora un pirata della strada, ancora un “omicidio stradale”. Ieri sera attorno alle 20, una donna polacca di 56 anni, è stata falciata e uccisa da un’auto che ha fatto perdere poi le proprie tracce. Sono in corso indagini a Bologna per omicidio colposo e omissione di soccorso.

La donna è stata investita da un’auto pirata in via Rigosa, nella periferia della città, dove la vittima abitava. La donna verso le 20 stava camminando sul ciglio della strada e stava facendo ritorno verso casa insieme al compagno che camminava in bici.

Quando a un certo punto è stata travolta da una macchina a forte velocità. Inutili i soccorsi. L’investitore non è stato ancora rintracciato. In un fosso sono stati trovati alcuni pezzi presumibilmente della vettura.

Secondo quanto scrive il Resto del Carlino, da una prima ricostruzione, ascoltando anche i racconti dei vicini, ieri verso le 19,40 Teresa, questo il nome della sfortunata, è scesa alla fermata dell’autobus 54 di via Olmetola per poi tornare a casa a piedi, accompagnata dal compagno che la seguiva in bici. Imboccata via Rigosa, però, il compagno l’ha distanziata e lei, che camminava sul ciglio della strada quando è stata investita.

Gli inquirenti sono sulle tracce dell’omicida che non si è fermato a prestarle soccorso. Presumibilmente il pirata viaggiava ad una velocità superiore ai limiti consentiti. La Polizia municipale, coordinata dal Pm Gabriella Tavano, sta conducendo le indagini. I vigili stanno già acquisenso le registrazioni delle telecamere di sicurezza poste nella zona dove si è consumato l’ennesimo crimine della strada. Sotto choc il compagno Francesco che camminava in bici un po’ più avanti della sua donna.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb
Seguici anche su TELEGRAM