7 Dicembre 2021

Sardegna, ucciso un altro allevatore ad Alà dei Sardi

Stessa categoria

Gaspare NiedduUn altro pastore è stato ucciso in Sardegna. L’omicidio è stato compiuto ieri notte nelle campagne di Alà dei Sardi (Olbia Tempio), in Sardegna. La vittima è un allevatore di 38 anni, Gaspare Nieddu, con piccoli precedenti per furto, freddato con alcuni colpi di fucile mentre si trovava alla guida del suo trattore in una zona impervia.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Ozieri e quelli del nucleo investigativo di Sassari, insieme al magistrato di Turno. Gli inquirenti sono a caccia del killer e stanno setacciando tutta la zona.

Gaspare Nieddu pare fosse uscito ieri mattina da casa. In tarda serata sono stati i parenti, preoccupati per la sua prolungata assenza, a dare l’allarme. Il corpo senza vita è stato ritrovato nelle campagne solo verso le 23.

Solo qualche giorno fa, un allevatore di 77, Felice Atzori, è stato freddato con due fucilate venerdì scorso in un ovile nelle campagne di Aidomaggiore (Oristano), in località Tanca’e Su Buscu. Il suo corpo è stato trovato dai familiari, preoccupati per il suo mancato rientro a casa. Un esecuzione in piena regola e a distanza ravvicinata.

L’uomo non si era sposato e viveva nella sua abitazione di campagna con la sorella e un nipote. Felice Atzori col suo gregge usciva tutti i giorni al mattino presto e faceva in genere rientro per il pranzo, ma qualcuno questa volta si è fatto trovare in agguato nell’ovile.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER