Monte di Procida (Na), auto giù nel burrone. Muore Valentina Schiano, 20 anni

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
La ragazza che ha perso la vita a Monte di Procida, Valentina Schiano
La ragazza che ha perso la vita a Monte di Procida, Valentina Schiano

Una ragazza di 20 anni, Valentina Schiano, è morta e una sua coetanea è rimasta ferita in un incidente d’auto avvenuto all’ora di pranzo su via Panoramica, a Monte di Procida (Napoli).

La loro auto, una Toyota “Yaris” probabilmente ha sbandato finendo giù in un burrone dopo aver sfondato il muretto di protezione.

Valentina Schiano è deceduta sul colpo, mentre la sua amica A.D.M, è stata salvata dai soccorritori con estremo disagio, visto che il dirupo è scosceso e imprevio. Per estrarre i corpi dall’abitacolo sono dovuti andare giù i Vigili del fuoco con delle funi, mentre un elicottero li ha tirati su con le barelle. La ragazza ferita è stata trasportata al II° Policlinico di Napoli. Era stata l’amica di Valentina Schiano a dare l’allarme.

Il muretto sfondato dall'auto dove è morta dove è morta Valentina Schiano
Il muretto sfondato dall’auto dove è morta dove è morta Valentina Schiano

Il magistrato di turno ha disposto l’autopsia sul corpo di Valentina. Sul luogo dell’incidente lo strazio dei familiari, del fidanzato e in particolare della madre di Valentina Schiano con cui, ha riferito la signora, si era appena sentita al telefono con la figlia e le aveva raccomandato di andare piano con l’auto. La risposta di Valentina, ironia della sorte, è stata: “Non ti preoccupare, se devo morire vuol dire che è destino”.

Dopo un po’ lo schianto è il volo giù per oltre centocinquanta metri lungo il costone. Ignote le cause del tragico incidente. Sono stati effettuati i rilievi sul tratto di strada di Monte Procida. Le due ragazze erano amiche nella vita e colleghe universitarie.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM