8 Agosto 2022

Paternò, gravissimo scontro fra moto. Morti 4 ragazzi FOTO

Stessa categoria

Gianluca Parisi e Valentina Aureliano due delle vittime di Paternò. Erano fidanzati (Facebook)
Gianluca Parisi e Valentina Aureliano due delle vittime di Paternò. Erano fidanzati (Facebook)

Destino beffardo. Gravissimo incidente stradale a Paternò (Catania). Quattro giovani di età compresa tra i 17 e i 23 anni sono morti carbonizzati a seguito di un scontro fra due motociclette.

L’impatto è stato violentissimo tanto che le le due moto sono “esplose” a causa del carburante carico nei serbatoi delle due ruote. L’incidente è avvenuto in serata in via Unità d’Italia, su un lungo vialone poco illuminato del quartiere Scala Vecchia alla periferia di Paternò.

Sul posto sono giunti i carabinieri della locale compagnia, vigili del fuoco e i soccorritori del 118 che nulla hanno potuto fare per tentare di salvare i quattro giovanissimi.

Le vittime erano su un’Honda Sh e su una moto Ktm. Uno dei due mezzi, secondo i primi rilievi dei carabinieri, andava a velocità elevata ed ha impattato violentemente sull’altro. La collisione è stata così violenta che ha fatto esplodere le due moto.

Le vittime sono tre ragazzi e una ragazza: Giuseppe Russo. di 17 anni e Antonio Faranda di 22 anni, che viaggiavano insieme a bordo di una delle moto. Sull’altra viaggiavano invece Gianluca Parisi 23 anni e Valentina Aureliano,  22enne. Gianluca e Valentina erano fidanzati.

I ragazzi, a seguito dello scontro, sono state sbalzati lontano e sono morte per le fratture e le gravi ustioni riportate. Gli investigatori escludono che tra i ragazzi ci fosse una gara di velocità. Sarebbe un incidente “casuale”, dovuto probabilmente all’alta velocità e alla scarsa luminosità sul rettilineo di Paternò

In ogni caso la Procura di Catania ha aperto un’inchiesta ed è molto probabilmente che sarà disposto l’esame autoptico sui corpi dei quattro ragazzi. La notizia dell’incidente, balzata in un baleno in tutto il Catanese, ha sconvolto tutta la comunità siciliana. I parenti e gli amici dei ragazzi che sono giunti sul luogo dell’incidente sono straziati dal dolore per la perdita dei propri ragazzi. Le bacheche degli amici dei ragazzi su Facebook sono listate a lutto.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Bus per Medjugorje sbanda ed è strage, morti 12 pellegrini polacchi

Un bus polacco si stava recando per un pellegrinaggio da Varsavia a Medjugorje. Sabato mattina è uscito fuori strada. Le vittime potrebbero essere di più. Feriti gravi. Tra le ipotesi un probabile colpo di sonno dell'autista

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER