22 Maggio 2022

Due pirati uccidono due donne in Umbria e in Emilia. Arrestati

Stessa categoria

Incidente Foligno Pirati della strada in azione a Foligno
Pirati della strada in azione a Foligno

Due donne sono morte a causa di pirati della strada. Una in Emilia Romagna, l’altra in Umbria. A Rimini è stato arrestato dalla polizia stradale il pirata della strada che giovedì ha investito tre donne, uccidendo un’anziana in carrozzina.

L’incidente è avvenuto a San Giovanni in Marignano, nel Riminese. L’uomo arrestato è un 45enne della zona che si sarebbe consegnato spontaneamente, ma fuori i limiti di legge e che quindi verrà arrestato e trasferito nel penitenziario trasferito “Casetti”, con l’accusa di omicidio colposo ed omissione di soccorso.

La Stradale era già sulle tracce dell’uomo che alla guida della Xara gi colore giallo dopo l’incidente era scappato. La polizia lo aveva già identificato sentendo i testimoni che quel giorno avevano visto e chiamato il 118.

Pirati della strada in azione a Rimini
Pirati della strada in azione a Rimini

L’altro incidente, ieri sera a Sant’Eraclio di Foligno, in Umbria. Un uomo alla guida di una Bmw ha investito due donne che attraversavano la strada, uccidendo G. A., di 61 anni.

L’altra donna investita è ricoverata in gravi condizioni. Anche in questo cso il presunto pirata è stato arrestato. Si tratta di un macedone di 26 anni, residente a Foligno.

L’uomo, già nel carcere di Spoleto è accusato di omicidio colposo e omissione di soccorso. Sono in corso accertamenti per stabilire se fosse sotto l’effetto di droga o alcool.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Usb aeroporto di Pisa: “In Ucraina armi anziché aiuti umanitari”

"Armi mascherate da "aiuti umanitari" dirette segretamente in Ucraina dall'Italia". Lo sostiene l'Unione sindacati di base dell'aeroporto di Pisa,...

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER