5 Ottobre 2022

Milano, arrestato per tangenti il vice di Roberto Maroni, Mario Mantovani

Correlati

Tangenti, arrestato il vicepresidente della Giunta Maroni in Lombardia Mario Mantovani
Mario Mantovani

Il vicepresidente della Giunta regionale lombarda ed ex assessore alla Sanità Mario Mantovani, 65 anni (Forza Italia) è stato arrestato con le accuse di concussione, corruzione aggravata e turbativa d’asta, abuso d’ufficio nell’ambito di un’indagine della Procura di Milano sugli appalti nella sanità.

Assieme a lui sono finiti in manette il suo collaboratore Giacomo Di Capua e un ingegnere del provveditorato alle opere pubbliche per la Lombardia e la Liguria, Angelo Bianchi.

Le ordinanze di custodia cautelare sono state firmate dal gip Stefania Pepe, su richiesta del procuratore aggiunto Giulia Perrotti e del pm Giovanni Polizi nell’ambito dell’operazione “Entourage”.

Le accuse per Mantovani, Di Capua e Bianchi sono di corruzione aggravata, concussione e turbata libertà degli incanti. Oltre a loro ci sono altri 12 indagati che, stando a quanto si legge in una nota firmata dal procuratore Edmondo Bruti Liberati, “hanno concorso a vario titolo nei reati”. Tra gli indagati, risulta l’assessore regionale al Bilancio, Massimo Garavaglia, braccio destro del governatore Roberto Maroni.

La Guardia di Finanza, che ha prelevato Mario Mantovani ad Arconate, ha effettuato perquisizioni e sequestri di documenti, “in relazione anche ad ulteriori ipotesi di reato”, abuso d’ufficio e turbativa d’asta, ipotizzate a carico di Mantovani in concorso con altri.

Le attività dei finanzieri sono state svolte nelle province di Milano, Pavia, Varese, Vercelli e Rimini, negli uffici degli indagati nella sede della Regione Lombardia e in 9 abitazioni e 17 enti e società. I fatti sarebbero stati commessi fra il 6 giugno 2012 e il 30 giugno 2014.

Proprio questa mattina Mantovani doveva intervenire all’apertura della “Giornata della Trasparenza”, manifestazione organizzata dalla Regione Lombardia.

Imprenditore e costruttore nel settore sanità, Mario Mantovani è stato sottosegretario ai trasporti del IV governo Berlusconi, senatore della Repubblica e sindaco di Arconate, piccolo comune del Milanese dove il politico è nato nel 1950. Nel 2013, quando alle regionali vinse Roberto Maroni, Mantovani viene eletto consigliere e successivamente è stato nominato Vice Presidente della Regione Lombardia e assessore alla Salute, carica che lasciò qualche mese fa.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Elezioni in Brasile, è ballottaggio tra Lula e Bolsonaro. Jair: “Contro tutto e tutti, vinceremo”

Il candidato progressista si è fermato al 48,43% nonostante i sondaggisti lo davano vittorioso al primo turno. Il presidente uscente ha ottenuto il 43,2 percento, ma ha sbancato il congresso ottenendo almeno 99 seggi. Doppio turno il 30 ottobre.

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER