Milano, centauro riduce in fin di vita un uomo. Catturato

Carlomagno Fiat City Car elettrtica Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Viale dei Mille angolo Viale Giustiniani Milano
L’angolo tra Viale dei Mille e Viale Giustiniani dove è avvenuta l’aggressione a Milano

Dopo una giornata di ricerche, è stato catturato il motociclista che stamane ha ridotto in fin di vita un’uomo a Milano. Si tratta di un italiano di 39 anni che è stato condotto in caserma e dopo essere stato interrogato è stato sottoposto in stato di fermo.

[divide icon=”circle” margin_top=”10″ margin_bottom=”10″ color=”#d40800″]

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Un violento litigio per cause di viabilità si è trasformato in una quasi tragedia a Milano, dove uomo di 57 anni è ricoverato con un’emorragia cerebrale e diverse fratture alle costole dopo essere stato picchiato a calci e pugni questa mattina da un uomo che è ora ricercato per lesioni gravissime.

Il cinquantasettenne, appena dopo le 7 di stamane, stava percorrendo con la sua auto Viale dei Mille, quando per cause ignote all’angolo con Viale Giustiniani, avrebbe urtato uno scooter causando la caduta del centauro.

Il motociclista si rialza e comincia a inveire contro l’uomo. Volano parole grosse fino a che l’aggressore comincia a tirargli calci e pugni al punto che gli provoca fratture e diversi traumi, il più grave dei quali l’emorragia cerebrale.

Subito allertate le forze dell’Ordine, appena giunte sul posto hanno trovato l’uomo ancora tramortito. Trasportato in codice rosso all’ospedale a Milano, l’uomo è stato ricoverato al Policlinico in prognosi riservata.

L’aggressore secondo alcuni testimoni lo avrebbe proseguito a colpirlo quando già era a terra, incapace quindi di difendersi. Poi il picchiatore è scappato in direzione Loreto. Gli investigatori lo hanno individuato e fermato.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM