5 Ottobre 2022

Far west a Bari. Commando assalta blindati "manu militari"

Correlati

Far west a Bari. Commando assalta blindati "manu militari"
Uno dei mezzi incendiati e uno dei blidati blu dell’Ivri

Scene da far west stamane a Bari. Un commando formato da circa dieci persone, armato di kalashnikov e bombe, ha assaltato due blindati portavalori dell’Ivri che si stavano recando a depositare somme di denaro alla Banca d’Italia.

L’assalto, studiato a tavolino nei minimi particolari, è avvenuto intorno alle 8.30 nella zona industriale di Bari, all’altezza del parco commerciale Barima. I banditi, per portare a termine la rapina hanno bloccato le strade con dei mezzi pesanti ponendoli di traverso e incendiati. Un’azione militare compiuta da professionisti.

Una volta serrati gli accessi, per impedire l’intervento delle forze dell’Ordine, i banditi hanno sparato all’impazzata raffiche di mitra contro i due blindati. Con un flessibile sono riusciti ad aprire un varco nella fiancata di uno dei furgoni prelevando uno o due sacchi contenenti parte del bottino. Solo una parte poiché nel momento in cui hanno aperto il blindato è entrato in funzione il sistema antirapina che consiste nello spruzzo di materiale schiumoso che si solidifica. Ancora da quantificare la quantità di denaro rubata.

Non ci sarebbero feriti tra le sei guardie giurate, le quali avrebbero riportato solo qualche contusione. Ma la paura è stata tantissima per i vigilantes dell’Ivri.

Dopo il colpo, il commando è fuggito a bordo di tre automobili, probabilmente rubate. Le forze dell’Ordine hanno avviato ricerche in tutta la regione predisponendo posti di blocco nel Barese e in altre aree, comprese le arterie autostradali. per le ricerche sono impiegati anche alcuni elicotteri allo scopo di individuare la banda di malviventi. Di loro ancora nessuna traccia.

Dopo la fuga della banda, nella zona industriale sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri della Compagnia San Paolo, del Reparto operativo del comando di Bari e quelli della Scientifica.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Elezioni in Brasile, è ballottaggio tra Lula e Bolsonaro. Jair: “Contro tutto e tutti, vinceremo”

Il candidato progressista si è fermato al 48,43% nonostante i sondaggisti lo davano vittorioso al primo turno. Il presidente uscente ha ottenuto il 43,2 percento, ma ha sbancato il congresso ottenendo almeno 99 seggi. Doppio turno il 30 ottobre.

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER