19 Gennaio 2022

Torino, anziano ucciso per rapina. “Colpito più volte alla testa”

Stessa categoria

Lo stabile di Via Forlì dove è stato ucciso Giovanni Battista Boggio
Lo stabile di Via Forlì dove è stato ucciso Giovanni Battista Boggio (Ansa)

Sono almeno una decina i colpi alla testa, inferti con un corpo contundente, che hanno ucciso Giovanni Battista Boggio, il pensionato di 70 anni trovato morto venerdì scorso nel suo appartamento a Torino.

Lo ha stabilito l’autopsia effettuata dal medico legale Roberto Testi, su incarico del pm Laura Ruffino. L’esame ha confermato che la morte risale alla notte tra mercoledì e giovedì, quando i vicini di casa hanno sentito delle urla provenire della casa della vittima.

Giovanni Battista Boggio è stato trovato morto, con il cranio fracassato, nel suo appartamento al piano rialzato, in via Forlì, alla periferia di Torino. Per la polizia, che è sul posto, si tratta di omicidio.

La vittima viveva solo. A trovarlo i vigili del fuoco intervenuti dopo la segnalazione dei medici da cui l’anziano avrebbe dovuto presentarsi per una visita programmata. Tra le prime ipotesi quella di una rapina finita in tragedia.

Interno della casa di Giovanni Battista Boggio
Interno della casa di Giovanni Battista Boggio

Dalla casa dell’anziano, secondo quanto trapelato mancherebbero il portafoglio e il cellulare, forse rubati dal suo assassino. O per rapina o per inscenarla e sviare le indagini. Si segue anche la pista della “vendetta”, cioè di qualcuno che ha compiuto un furto nella sede Atc, sempre in via Forlì, (scatoloni di pasta e altri alimenti destinati agli indigenti), di cui Giovanni Battista Boggio è stato forse testimone. Indagano gli inquirenti per risalire all’autore del crimine.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER