Napoli, agguato nel rione Sanità. Ucciso boss Pietro Esposito

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
agguato a rione Sanita a Napoli. ucciso boss Pietro Esposito
Il corpo di Pietro Esposito a terra davanti la basilica del rione Sanità a Napoli

La guerra di camorra a Napoli prosegue lenta e inesorabile. Nessuna tregua. Un pregiudicato, Pietro Esposito, di 45 anni, è stato ucciso con alcuni colpi d’arma da fuoco nel quartiere Sanità a Napoli.

Secondo fonti investigative, l’uomo sarebbe stato colpito dai sicari alla testa e al torace. Nell’agguato è rimasto ferito al torace anche il giovane dipendente di un pub, Giovanni Catena, colpito dai killer mentre stava andando a buttare la spazzatura. E’ stato ferito all’addome. Trasportato in ospedale, il 29enne non sarebbe in pericolo di vita.

L’omicidio al boss è stato compiuto davanti alla basilica Santa Maria della Sanità attorno alle 16,30. Pietro Esposito era a bordo di uno scooter quando è stato avvicinato dai killer che hanno esploso più proiettili contro di lui.

Il boss, conosciuto anche come Pierino, dominava il rione. I sicari lo hanno ucciso sul colpo. Sul posto le forze dell’Ordine, la Scientifica e i soccorritori che hanno tentato invano di rianimarlo.

Pietro Esposito venne scarcerato a fine 2014. A gennaio di quest’anno sempre nello stesso quartiere, alcuni killer uccisero il figlio Ciro, di ventanni. L’omicidio, ironia della sorte avvenne a pochi metri dal luogo dove è stato ucciso oggi Pietro Esposito.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM