1 Marzo 2024

Catania, rapina all'agenzia di scommesse. Un arresto. VIDEO

Correlati

Catania, rapina all'agenzia di scommesse. Un arresto. VIDEO
Carmelo Di Mauro, uno degli arrestati per la rapina all’agenzia di scommesse a Catania

La Polizia di Stato di Catania ha arrestato un pregiudicato di 50 anni, Carmelo Di Mauro, in esecuzione a un decreto di fermo emesso martedì dalla Procura della Repubblica di Catania, in quanto l’uomo è ritenuto dagli inquirenti responsabile di rapina aggravata in concorso con altri.

Nella serata del 30 novembre scorso due persone, di cui uno con volto parzialmente coperto da sciarpa e cappello, si sono introdotte nei locali di un centro scommesse ubicato nella zona del corso Italia, intimando ai dipendenti presenti di aprire la cassaforte sotto la minaccia di un taglierino.

I malviventi sono riusciti a impossessarsi di oltre 36 mila euro in contanti. A seguito della segnalazione arrivata al 113, sul posto sono giunti equipaggi dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico (U.P.G.S.P.) e della Squadra Mobile – Sezione contrasto al crimine diffuso.

Gli investigatori della Mobile hanno avviato da subito le indagini, visionando le immagini del sistema di video sorveglianza installato presso l’agenzia di scommesse. La visione dei filmati a circuito chiuso ha permesso di verificare che uno dei due rapinatori aveva agito a volto scoperto. L’uomo era una vecchia conoscenza della Mobile: si tratta, spiega la Polizia di Catania, di “un noto rapinatore”, riconosciuto in Carmelo Di Mauro.

VIDEO DELLA RAPINA

Sul posto è stata fatta arrivare la Scientifica per i rilievi tecnici, gli investigatori dei “Condor” hanno acquisito le dichiarazioni dei dipendenti dell’agenzia, mentre altri agenti si sono recati presso l’abitazione del presunto rapinatore per bloccarlo, ma di lui non c’era alcuna traccia.

La perquisizione domiciliare eseguita presso l’abitazione di Carmelo Di Mauro ha consentito, spiega ancora la Polizia, di acquisire un importante elemento di riscontro per attestare le sue presunte responsabilità nella rapina consumata quella sera.

Nel corso della perquisizione è stata rinvenuta e sequestrata la giacca che indossava Di Mauro in occasione dell’azione criminosa. Sulla base degli elementi raccolti a suo carico dalla Squadra mobile, la Procura della Repubblica di Catania, stante la sua irreperibilità, ha emesso nei suoi confronti un decreto di fermo.

I poliziotti hanno lavorato incessantemente nelle ricerche di Carmelo Di Mauro, fino a quando ieri mattina, l’uomo, sentendosi braccato, ha deciso di costituirsi presso la Questura, dove è stato fermato dagli agenti. Espletate le formalità di rito, Carmelo Di Mauro è stato associato presso la Casa Circondariale di piazza “Lanza”. Sono in corso indagini volte ad individuare il complice dell’uomo.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Da Israele nuovo massacro a Gaza. Uccisi oltre cento palestinesi in coda per il cibo

Nuova carneficina dell'esercito israeliano nella Striscia di Gaza. Oltre cento palestinesi sono stati uccisi mentre erano in fila per...

DALLA CALABRIA

Traffico di rifiuti speciali tra Italia e Tunisia, numerosi arresti

Dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Napoli, Salerno, Potenza, Catanzaro, personale della Direzione investigativa antimafia e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)