Pistola giocattolo in Piazza San Pietro. Denunciata giornalista

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Pistola giocattolo in Piazza San Pietro. Denunciata giornalista
Controlli della Polizia in Piazza San Pietro

ROMA – Voleva fare lo “scoop” sulla “scarsa” sicurezza di piazza San Pietro in vista del Giubileo della Misericordia, ma è stata sorpresa e denunciata dalla Digos della Questura di Roma per procurato allarme. Si tratta di una giornalista free lance di 40 anni.

La donna si era introdotta nella piazza superando i controlli con una pistola giocattolo per far vedere poi sul web, come fosse facile entrare armati nella piazza più sorvegliata d’Italia.

Venerdì la reporter si era presentata in piazza San Pietro come accompagnatrice di un disabile con un tesserino falso e aveva introdotto nella piazza una pistola in plastica non visibile ai metal-detector. Durante l’ingresso ha documentato l’intera azione al fine di fare lo “scoop” giornalistico e utilizzarlo a corredo di un suo articolo online.

Secondo quanto riferito alla Digos dalla donna, le foto postate accanto al testo sono state però realizzate con una pistola vera messa a disposizione da uno dei suoi due complici, mentre quella giocattolo sarebbe stata gettata immediatamente dopo.

Gli investigatori hanno già acquisito utili elementi per l’identificazione delle altre due persone coinvolte per procedere a loro carico per gli stessi reati.

La vicenda ha provocato particolare “disappunto per gli effetti negativi che simili “messinscena” provocano sulla percezione di sicurezza delle persone e, ancor più grave – sostiene la Polizia – distolgono le forze dell’Ordine dalle prioritarie attività finalizzate a garantire l’incolumità e la tranquillità dei cittadini” in vista di un evento che attrae milioni di persone.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM