24 Febbraio 2024

Casoria (Napoli), sequestrati 500mila euro falsi. Inseguimento e arresto. VIDEO

Correlati

Casoria (Napoli), la Finanza sequestra 500mila euro falsi
Un frame del video del sequestro della Gdf a Casoria (Napoli)

Banconote da 10 euro, nuova serie, stampate come la tipografia della Bce. Con clichè accurati progettati nei minimi dettagli. I finanzieri che li hanno visto i biglietti hanno parlato di biglietti di “pregevole fattura”, in grado da trarre in inganno chiunque, forse anche le banche, talmente sembravano “veri”. Ma c’era un particolare che il trafficante o falsario ha trascurato: la calma.

Succede che a Casoria, in provincia di Napoli, un uomo milanese di 39 anni, A.F., preso dalla foga o nervosismo di trasportare in auto un bel malloppo da mezzo milione di euro, si è messo a scorazzare a tutta velocità per le vie della cittadina al punto da insospettire la Guardia di Finanza che nel periodo prenatalizio ha intensificato i controlli per prevenire reati.

Affiancato dall’auto dei finanzieri, che si qualificavano e gli intimavano l’Alt, il presunto trafficante di banconote false ha risposto sgommando ad alta velocità verso le strade di Casoria. Dopo un inseguimento di 10 minuti, l’uomo si è dovuto arrendere, ma non prima di speronare l’auto delle fiamme gialle. Momenti di tensione che hanno portato i militare a chiudere la strada per proteggere l’incolumità dei passanti.

Dopo aver immobilizzato il fuggitivo ed effettuato le perquisizioni sulla persona e sull’automezzo gli agenti della Gdf hanno ritrovato all’interno del bagagliaio, quattro scatole di cartone, contenenti oltre 500.000 euro nel taglio da 10. I preliminari accertamenti effettuati sulle banconote hanno permesso di constatarne la pregevole fattura, in grado di ingannare facilmente chiunque ne fosse venuto in possesso.

E’ probabile che l’uomo era in fase di consegna delle scatole nel Napoletano o, viceversa, un trasporto da fare nel Nord Italia. In entrambi i casi, smerciare banconote false di piccolo taglio sarebbe stato facile per via della buona qualità dei biglietti.

VIDEO DELL’ARRESTO E DEL SEQUESTRO DELLA FINANZA

Non è tanto l’importo che ha stupito – spiegano i finanzieri -, quanto il fatto che si tratta di banconote false della nuova serie Europa introdotta dalla Bce, appena dal settembre 2014, con nuove caratteristiche di sicurezza proprio per contrastare il fenomeno del falso ampiamente diffuso in tutti i Paesi dell’Unione.

Si tratta del primo sequestro di banconote della nuova serie mai effettuato in Europa ed è indicativo che è avvenuto nell’hinterland partenopeo dove la produzione italiana di banconote false, meglio nota come “Napoli Group”, ha radici storiche. L’arrestato, A.F,. è stato deferito alla Procura della Repubblica di Napoli Nord che ha assunto immediatamente la direzione delle indagini.

Questo è un ulteriore colpo messo a segno da parte dei militari del Comando Provinciale di Napoli e del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria di Roma, dopo lo smantellamento di 5 stamperie clandestine negli ultimi due anni, a testimonianza del costante impegno del Corpo nel contrasto al falso monetario, a tutela dei cittadini, dell’economia legale e dei mercati finanziari.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Terrorismo, perquisizioni in Italia nella rete dell’attentatore di Bruxelles

Le abitazioni di diciotto immigrati nordafricani sono state perquisite dal Ros dei carabinieri e da agenti della Digos di...

DALLA CALABRIA

Sequestrati beni per 2,5 milioni a imputati processo antimafia

Beni per un valore di oltre 2,5 milioni di euro sono stati sequestrati dai finanzieri del Comando provinciale di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)