4 Dicembre 2021

Inseguimento a Milano. Sperona l'auto dell'Arma e fugge tuffandosi nel Naviglio

Stessa categoria

Inseguimento a Milano. Sperona l'auto dell'Arma e fugge tuffandosi nel NaviglioMILANO – Non si ferma all’Alt dei Carabinieri di Milano e scappa a bordo di una auto rubata speronando, alla fine di un inseguimento, la gazzella dei militari dell’Arma.

Tutto è cominciato oggi attorno alle 14 in viale Famagosta, alla periferia sud di Milano. Il conducente braccato dai militari dopo che non si era fermato ad un posto di blocco, si è trovato in un vicolo cieco ed è riuscito a dileguarsi buttandosi nelle gelide acque del Naviglio. Bloccato un suo amico che era insieme a lui.

Il fuggitivo era alla guida di una Ford Focus – con a bordo un’altra persona – risultata rubata in provincia di Pavia alla fine dello scorso novembre. L’uomo non si è fermato all’Alt intimato dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Milano, dandosi alla fuga in direzione della barriera autostradale della Milano – Genova, dove ha sfondato la barra di pedaggio.

A questo punto i militari hanno inseguito a sirene spiegate l’automobile in fuga. Il conducente della Focus, dopo aver imboccato un’uscita riservata a mezzi e personale di servizio, ha abbattuto un cancello per riprendere la viabilità ordinaria fino al Comune di Rozzano dove, ha imboccato una strada a senso unico. Vedendosi nell’impossibilità di proseguire, ha innestato la retromarcia andando a scontrarsi violentemente contro il cofano dell’auto dei militari.

Un passeggero, successivamente identificato in un marocchino, pregiudicato, 44enne, veniva subito bloccato, mentre il conducente è riuscito a scappare, prima gettandosi nel Naviglio e quindi a gambe levate nelle campagne circostanti. La persona è ricercata. L’autoradio dei Carabinieri di Milano, ha riportato danni rilevanti. I militari hanno invece riportato lievi contusioni, già medicate.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Australia choc, ragazza sana viene deportata in un campo di internamento Covid

Potremmo titolare questa testimonianza scioccante "C'era una volta l'Australia". Un paese meraviglioso trasformato nel Terzo Reich. Le strategie totalitarie del governo australiano per costringere la gente a vaccinarsi e portare avanti l'agenda criminale dell'èlite globalista di Davos. Seminano il terrore deportando i cittadini sanissimi in veri e propri campi di concentramento. E questo accade a migliaia di persone nel silenzio generale

Sindacato infermieri: quasi 4mila contagi tra sanitari vaccinati negli ultimi 30 giorni

I nuovi casi nell'ultimo mese sono stati 3.929, mentre 107 infermieri si infettano ogni 24 ore. Lo afferma Antonio De Palma, presidente del Nursing Up, il sindacato nazionale degli infermieri

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER