8 Agosto 2022

Seregno, sgominata banda di spacciatori "contabili"

Stessa categoria

Seregno, sgominata banda di spacciatori "contabili"
I Carabinieri di Seregno mostrano il denaro sequestrato alla banda

Blitz contro una presunta banda di spacciatori sgominata nella notte dai Carabinieri della Compagnia di Seregno (Monza Brianza). Quattro gli arresti: tre marocchini e un italiano.

L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal Gip presso il Tribunale di Monza, Dott. De Lillo, nei confronti di Bouazza Daoudi, classe 1983; Brahim Daoudi, classe ’78; Mustapha Kacimi, classe ’83 e l’italiano Nicola Fabrizio Lorusso, classe 66, tutti accusati di concorso in detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti.

Il provvedimento restrittivo è frutto di un’intensa attività investigativa, durata un anno, scaturita a seguito del tentato omicidio di un 37enne marocchino pregiudicato che, nel pomeriggio del 15 gennaio 2015, a Seregno, nei pressi del “Bar 918”, era rimasto gravemente ferito al volto ed alla testa dopo essere stato aggredito da un suo connazionale successivamente tratto in arresto dai Carabinieri di Seregno.

I presunti malfattori arrestati agivano soprattutto nel week end, spesso in pieno giorno, nei pressi di scuole, cimiteri e centri commerciali ed avevano sviluppato un volume d’affari di circa 10.000 euro a settimanali che, durante l’intero periodo di monitoraggio, dallo scorso gennaio ad oggi, ha superato il mezzo milione di euro

L’indagine dei carabinieri di Seregno, guidati dal capitano  Danilo Vinciguerra, ha documentato un “giro” di clienti stimato in 200 persone appartenenti ad ogni categoria sociale e a diverse fasce d’età. La banda era particolarmente attiva nei territori attraversati dalla statale 36 del Lago di Como e dello Spluga ed agiva in provincia di Monza – Brianza e di Como.

Seregno, sgominata banda di spacciatori "contabili"
Stalcio del quaderno dove la banda registrava gli incassi 

Il sodalizio, particolarmente attivo anche nel reclutamento di nuovi pusher, si era insediato all’interno di una villa di Seregno che utilizzava come base logistica ed al cui interno i malviventi tagliavano e confezionavano la droga destinata alla vendita al dettaglio.

I militari dell’Arma, nel corso delle indagini hanno sequestrato oltre 250 dosi di cocaina da mezzo grammo ciascuna, più di 130mila euro in contanti ed arrestato, in flagranza di reato, altri 4 spacciatori appartenenti allo stesso gruppo criminale.

Sempre nel corso delle indagini, gli investigatori hanno rinvenuto un blok notes dove erano registrati gli incassi giornalieri e settimanali del sodalizio che riusciva ad accumulare fino a 40mila euro al mese.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Bus per Medjugorje sbanda ed è strage, morti 12 pellegrini polacchi

Un bus polacco si stava recando per un pellegrinaggio da Varsavia a Medjugorje. Sabato mattina è uscito fuori strada. Le vittime potrebbero essere di più. Feriti gravi. Tra le ipotesi un probabile colpo di sonno dell'autista

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER