8 Agosto 2022

Minerbio (Bologna), presi i rapinatori della gioielleria Govoni

Stessa categoria

Minerbio (Bologna), presi i rapinatori della gioielleria Govoni
Carabinieri davanti alla gioielleria Govoni di Minerbio subito dopo la rapina

I Carabinieri della Stazione di Minerbio (Bologna), coadiuvati dai militari dell’Arma di Carmiano (Lecce) e Forlì, hanno eseguito un fermo di polizia giudiziaria nei confronti di due giovani di origini leccesi: un 23enne, domiciliato a Forlì e un 26enne, residente a Carmiano.

I due sono ritenuti responsabili di una rapina aggravata in concorso, perpetrata la mattina del 4 dicembre scorso, ai danni della Gioielleria Govoni di Minerbio.

Nella circostanza, i due presunti rapinatori, dopo essersi impossessati di un quantitativo di gioielli del valore di circa 350mila euro, erano usciti dal locale ed avevano cominciato a correre in direzione di una Lancia Phedra parcheggiata nelle vicinanze. Prima di salire a bordo dell’auto e darsi alla fuga, uno dei due soggetti esplodeva in aria un colpo di pistola a scopo intimidatorio nei confronti del titolare che li stava inseguendo.

Grazie alla testimonianza di alcuni cittadini di Minerbio che avevano assistito ai fatti e di altri dettagli emersi nel corso delle indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Bologna, gli inquirenti sono riusciti a individuare i due rapinatori, entrambi noti alle forze dell’Ordine per i loro precedenti di polizia.

Una parte della refurtiva, del valore di circa 50.000 euro è stata rinvenuta nella disponibilità del 26enne di Carmiano. Il 23enne domiciliato a Forlì, inoltre, dovrà rispondere anche del reato di evasione poiché al momento dei fatti era evaso dagli arresti domiciliari che stava scontando a seguito della commissione di altri reati contro il patrimonio.

I due fermati sono stati tradotti rispettivamente nel carcere di Lecce e Forlì, a disposizione dell’Autorità giudiziaria.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Bus per Medjugorje sbanda ed è strage, morti 12 pellegrini polacchi

Un bus polacco si stava recando per un pellegrinaggio da Varsavia a Medjugorje. Sabato mattina è uscito fuori strada. Le vittime potrebbero essere di più. Feriti gravi. Tra le ipotesi un probabile colpo di sonno dell'autista

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER