4 Dicembre 2021

Milano, aggressione a Nathan Graf, la Polizia diffonde identikit

Stessa categoria

Identikit aggressore ebreo ortodosso Nathan Graf
Ecco l’Identikit dell’aggressore dell’ebreo ortodosso Nathan Graf a Milano. Chiunque lo riconosca chiami la Polizia

La Polizia di Stato di Milano ha diffuso l’identikit di quello che si ritiene possa essere il presunto autore dell’aggressione armata a Nathan Graf, l’ebreo ortodosso ferito a coltellate il mese scorso.

L’aggressione all’uomo, di 40 anni, è avvenuta la sera del 12 novembre scorso in viale San Gimignano a Milano, davanti un ristorante kosher.

L’identikit è stato elaborato dal Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica per la Lombardia dopo aver raccolto tutta una serie di elementi testimoniali di chi ha visto l’aggressore.

Il profilo è di un uomo tra i 35 e 40anni, di corporatura magra, 1.80/1.85 di altezza, carnagione chiara, capelli chiari e scapigliati, occhi scuri con palpebra leggermente scoperta, naso e labbra sottili e aspetto curato.

Chi abbia informazioni utili per l’identificazione del presunto aggressore è invitato a contattare la Polizia di Stato al numero 334.69.04.555

L’aggressore quella sera pare sia stato visto allontanarsi da una donna che portava fuori il cane e avrebbe notato il malvivente togliersi il passamontagna con il quale ha agito. La donna ha riferito agli inquirenti che aveva capelli biondi e carnagione chiara.

Dopo aver colpito alle spalle Nathan Graf, (che ha avuto 40 giorni di prognosi), il tentato omicida è sparito fulmineo nell’oscurità. Non è chiaro se lo attendeva un un complice. La vicenda preoccupò molto le comunità ebraiche di Milano e italiane.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Australia choc, ragazza sana viene deportata in un campo di internamento Covid

Potremmo titolare questa testimonianza scioccante "C'era una volta l'Australia". Un paese meraviglioso trasformato nel Terzo Reich. Le strategie totalitarie del governo australiano per costringere la gente a vaccinarsi e portare avanti l'agenda criminale dell'èlite globalista di Davos. Seminano il terrore deportando i cittadini sanissimi in veri e propri campi di concentramento. E questo accade a migliaia di persone nel silenzio generale

Sindacato infermieri: quasi 4mila contagi tra sanitari vaccinati negli ultimi 30 giorni

I nuovi casi nell'ultimo mese sono stati 3.929, mentre 107 infermieri si infettano ogni 24 ore. Lo afferma Antonio De Palma, presidente del Nursing Up, il sindacato nazionale degli infermieri

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER