Minacce allo Sporting Locri. Informativa dei Carabinieri al vaglio della procura

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Locri, squadra di calcio femminile chiude per minacceLOCRI (REGGIO CALABRIA) 28 dicembre 2015 – I carabinieri del Gruppo di Locri hanno redatto un’informativa di reato, che è stata trasmessa alla Procura della Repubblica, sulle minacce rivolte alla squadra di calcio a 5 femminile Sporting Locri che hanno portato alla decisione della dirigenza di chiudere la società.

L’informativa è adesso al vaglio del pm di turno della Procura, che valuterà se aprire formalmente un’inchiesta per accertare il movente delle minacce ed identificarne il responsabile.

[divide icon=”circle” margin_top=”10″ margin_bottom=”10″ color=”#d40800″]

LOCRI (REGGIO CALABRIA) 27 dicembre 2015 – E’ una catena di solidarietà nazionale quella espressa nei confronti della squadra di calcio femminile a 5 “Sporting Locri”, società che milita in serie A e che a Natale ha subìto pesanti intimidazioni e minacce tanto da costringere il presidente Ferdinando Armeni a chiudere la società “per minacce”.

TAVECCHIO: “PORTEREMO LA NAZIONALE AZZURRA A LOCRI” – “Vergogna, porteremo a Locri le azzurre del calcio a cinque per testimoniare la nostra solidarietà”, ha affermato Carlo Tavecchio che all’Ansa ha manifestato il suo “sdegno” per le minacce che hanno costretto la società femminile della cittadina calabrese a dare l’addio all’attività agonistica.

“Il calcio italiano è unito contro la violenza e contro la vergogna di chi attraverso la minaccia non vuole si faccia sport – prosegue il presidente della Federcalcio -. Esprimo massima solidarietà allo “Sporting Locri”, ai suoi dirigenti e alle sue tesserate”. “La Figc è al loro fianco. Andremo in Calabria con la Nazionale femminile di Calcio a 5 per testimoniare tutto il nostro sostegno affinché nel meridione d’Italia non si spenga una bella realtà di sport in rosa”.

MALAGO “SPORT ITALIANO AL FIANCO DELLA SQUADRA” – “Locri deve giocare. Il 10 gennaio voglio vedere le ragazze in campo”. Così il presidente Coni Malagò esprime la sua solidarietà alla squadra femminile di calcio a 5 costretta a lasciare l’attività causa minacce. “Lo sport italiano è al fianco della società e delle atlete che non devono assolutamente cedere a questi vergognosi gesti”, dice.

SOCIETA’ SOTTO SCORTA – Il prefetto di Reggio Calabria Claudio Sammartino ha disposto “adeguate misure di protezione” nei confronti della dirigenza della squadra di calcio a 5 femminile Sporting Locri. Gli stessi dirigenti saranno sentiti nei prossimi giorni in sede di Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica convocato dal Prefetto.

Intanto sono serrate le indagini delle forze dell’Ordine per risalire all’autore o agli autori delle gravi minacce ad Armeni e alla sua squadra.

ARMENI: “RINGRAZIO TUTTI MA NON TORNO INDIETRO. CEDO SOCIETA’ GRATIS” – “Ringrazio tutti per la vicinanza ed il sostegno, ma la serenità non c’era prima e non c’è ora per cui non torno indietro. Se qualcuno è disposto a rilevare la società la cedo gratis”. Così il presidente della squadra di calcio a 5 donne Sporting Locri, Ferdinando Armeni, conferma, sempre via Ansa, il ritiro della squadra per le minacce subite.

[divide icon=”circle” margin_top=”10″ margin_bottom=”10″ color=”#d40800″]

LOCRI (REGGIO CALABRIA) 26 dicembre 2015 – La società di calcio femminile a 5 “Sporting Locri”, impegnata nel campionato nazionale di serie A di categoria, chiude i battenti. Per minacce. Ad annunciarlo è il presidente della Asd, Ferdinando Armeni, destinatario di messaggi espliciti a lasciare perdere rivolti anche alla sua famiglia e ad altri dirigenti. Il presidente Armeni ha denunciato il fatto ai carabinieri e alla Digos che indagano per individuare gli autori delle gravi intimidazioni.

– La società di calcio femminile a 5 “Sporting Locri”, impegnata nel campionato nazionale di serie A di categoria, chiude i battenti. Per minacce.

Ad annunciarlo è il presidente della Asd, Ferdinando Armeni, destinatario di messaggi espliciti a lasciare perdere rivolti anche alla sua famiglia e ad altri dirigenti. Il presidente Armeni ha denunciato il fatto ai Carabinieri e alla Digos che indagano per individuare gli autori delle gravi intimidazioni.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM