Studentesse minori facevano sesso per una ricarica. Indagato uomo

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Studentesse minori facevano sesso per una ricarica. Indagato uomo
Le studentesse minorenni avrebbero chiesto tra i 20 e i 40 euro a prestazione

Cinque ragazze tra i 15 e i 17 anni, studentesse di un istituto professionale di Brescia, si sarebbero prostituite per pochi euro, da 20 a 40 euro, in base alla “prestazione” sessuale. Lo ha scoperto la polizia provinciale di Brescia: un uomo di 45 anni è indagato per violenza.

Secondo quanto ricostruito, le studentesse minorenni avrebbero avuto rapporti sessuali anche a scuola tanto da spingere il preside dell’istituto a far chiudere i bagni dove le giovani avrebbero avuto rapporti pare talvolta solo per ottenere una ricarica telefonica. Più in generale le adolescenti contattavano i clienti attraverso i social network e li incontravano nei parcheggi dei centri commerciali. Una delle giovani ha ammesso il suo comportamento, mentre quattro hanno negato ogni addebito.

A far scattare l’indagine è stata la madre di una quindicenne che vedeva spesso la figlia tornare a casa la sera accompagnata da un adulto, un 45enne ora indagato per violenza. A casa dell’uomo sono state trovate centinaia di pillole, con ogni probabilità Viagra.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM