26 Gennaio 2022

Padova, svolta nell'omicidio di Ezio Sancovich. Confessa Renato Rossi

Stessa categoria

Omicidio a Padova, ucciso agente di commercio Ezio Sancovich
La vittima Ezio Sancovich

E’ stato risolto il giallo di Padova. Un uomo, Renato Rossi, 68 anni, di Martellago (Venezia) è stato sottoposto questa sera a fermo dai carabinieri di Padova in relazione all’omicidio di Ezio Sancovich, 62 anni, l’agente di commercio ucciso domenica sera con tre colpi di pistola all’interno della sua auto a Piombino Dese (Padova).

Dopo alcune ore di interrogatorio Rossi è crollato e ha ammesso l’omicidio ai militari. All’origine del gesto ci sarebbe un contrasto per alcuni debiti non pagati.

Ezio Sancovich, operante nel settore dell’abbigliamento, nella tarda serata di domenica è stato trovato ucciso a Piombino Dese (Padova). L’uomo era riverso all’interno della sua auto con tre proiettili in testa sparati da una pistola di piccolo calibro e a distanza ravvicinata.

Le indagini sulla morte di Ezio Sancovich, condotte dai carabinieri, sono culminate martedì 2 febbraio col fermo di Renato Rossi. Secondo i primi rilievi, l’auto non presentava alcun segno di effrazione né danneggiamento esterno. L’ipotesi prevalente è che la tragedia si sia consumata all’interno dell’auto.

A Rubano (Padova), dove Ezio Sancovich risiedeva, lo hanno descritto come un tranquillo padre di famiglia. Una moglie, due figlie e la passione per la bicicletta. “Abbiamo saputo della tragedia, siamo sconvolti – racconta una vicina di casa che dice di parlare anche a nome della famiglia -. Ezio era una persona normale, tutto lavoro e famiglia, con l’hobby della bicicletta”, ha concluso. [Aggiornato il 2-2-2016 – ore 20:47]


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Licata, uccide 4 familiari tra cui due nipotini, poi tenta il suicidio

La strage sarebbe stata originata da una lite in famiglia per motivi di interesse legati alla suddivisione di alcuni terreni dove coltivano carciofi

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER