18 Aprile 2024

Libia, liberi gli ostaggi Gino Pollicardo e Filippo Calcagno

Correlati

Liberati gli ostaggi Libia liberi Gino Pollicardo e Filippo Calcagno
Da destra Gino Pollicardo con Filippo Calcagno ritratti con barba e capelli lunghi mentre parlano al telefono. La foto è stata pubblicata sul profilo Facebook del Sabratha Media Center. In basso il messaggio e ripreso dal Corsera.

I due tecnici della Bonatti rapiti con Fausto Piano e Salvatore Failla uccisi ieri a Sabrata, in Libia, Gino Pollicardo e Filippo Calcagno, sono liberi. Secondo notizie riportate dall’agenzia Ansa, i due tecnici sarebbero in mano alla polizia locale e presto saranno trasferiti “zona sicura” e presi in consegna da agenti italiani che li riporteranno in patria.

I due, sono stati fotografati con capelli e barba lunga. Pollicaro e Calcagno hanno scritto a mano un messaggio. “Io sono Gino Pollicardo e con il mio collega Filippo Calcagno oggi 5 marzo 2016 siamo liberi e stiamo discretamente fisicamente, ma psicologicamente devastati. Abbiamo bisogno di tornare urgentemente in Italia”. Il breve messaggio scritto in stampatello su un foglietto di quaderno, è stato pubblicato sul Corriere.it insieme ad una foto di Pollicardo e Calcagno, con barba e capelli lunghi, mentre parlano al telefono dopo la liberazione.

La gioia dei familiari – “E’ finita, è finita”, ha detto il figlio di Gino Pollicardo, Gino jr. mentre stava entrando in casa. La moglie Emma Orellana, in lacrime, ha detto: “L’ho sentito al telefono”.

La liberazione è uno sviluppo dei tragici fatti dell’altro ieri che hanno portato all’uccisione degli altri due sequestrati. Ad annunciare che i nostri connazionali erano probabilmente ancora vivi era stato ieri davanti al Copasir il sottosegretario con delega all’intelligence Marco Minniti. Oggi la buona notizia della loro liberazione. I 4 tecnici della Bonatti Spa erano stati rapiti lo scorso luglio da una delle tante milizie (probabilmente cani sciolti appartenenti a gruppi tribali).

E’ improbabile che i 4 siano stati presi in ostaggio dall’Isis. In genere, questi tipi di rapimenti sono fatti per far cassa coi riscatti (non è dato sapere se in questo caso sia stato pagato). Lo Stato islamico, avendo grandi risorse economiche con molta probabilità li avrebbe uccisi subito a scopo propagandistico per dimostrare la loro potenza contro l’Occidente.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente nel Salernitano, conducente Suv positiva a droga e alcool

E' risultata positiva all'alcoltest ed anche alla cocaina, ma quest'ultima positività deve essere confermata da un controesame, la 31enne...

DALLA CALABRIA

Trovato morto uomo scomparso nel Cosentino

E' stato ritrovato cadavere, in una zona impervia del comune di Aiello Calabro, in provincia di Cosenza, l'uomo di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)