22 Maggio 2022

WhatsApp smaschera ladro seriale di anziani. 3 arresti a Torino

Stessa categoria

WhatsApp smaschera ladro seriale di anziani. 3 arresti a Torino
Il presunto ladro smascherato a WhatsApp a Torino

TORINO – Rispondeva agli annunci delle case in vendita, ma era un ladro seriale specializzato in furti durante i sopralluoghi per l’acquisto degli immobili. L’uomo ha utilizzato un nome falso, associato a una scheda telefonica con un profilo WhatsApp, per fissare gli appuntamenti con le vittime.

Secondo quanto accertato dagli inquirenti, l’uomo sceglieva sempre persone ultrasettantenni e con la scusa di visionare gli appartamenti – approfittando della cortesia dei proprietari che lo lasciavano da solo – avrebbe rubato collier, braccialetti in oro, brillantini, orologi, computer, chiavi di altre case – che poi andava a svaligiare – e soldi.

All’esito delle indagini, i carabinieri della Compagnia di Torino Mirafiori hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Torino su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di Sergio Praticò, 45 anni, senza fissa dimora, di Abdellah Amzil, 35 anni, abitante a Torino, e di Samir Elais, 36 anni, abitante a Torino, ritenuti responsabili, a vario titolo, di furto in abitazione aggravato e ricettazione.

Praticò è ritenuto responsabile di 5 furti in abitazione, commessi a Torino nel mese di settembre dell’anno scorso, dove s’introduceva fingendosi quale possibile acquirente, e di un furto in un negozio di infissi. L’uomo ha utilizzato un nome falso, associato a un numero di cellulare con un profilo WhatsApp, per fissare gli appuntamenti con le vittime.

Dopo la denuncia di una delle persone derubate, i carabinieri sono riusciti a identificare il presunto ladro grazie anche alla foto del suo profilo WhatsApp. Il nome era falso ma la sua foto era autentica. Le vittime l’hanno riconosciuto e poi le indagini successive hanno permesso di individuarlo e di identificare anche i due ricettatori ai quali Praticò avrebbe consegnato la refurtiva. Sequestrati computer, tv, radio, iPad, biciclette, per un valore di oltre 250mila euro.

La merce sequestrata può essere visionata alla caserma Mirafiori di via Plava a Torino. L’iniziativa è stata organizzata per dare modo di visionare la refurtiva e cercare di risalire ai legittimi proprietari. Chiamare il numero 011-6886100.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Usb aeroporto di Pisa: “In Ucraina armi anziché aiuti umanitari”

"Armi mascherate da "aiuti umanitari" dirette segretamente in Ucraina dall'Italia". Lo sostiene l'Unione sindacati di base dell'aeroporto di Pisa,...

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER