4 Marzo 2024

Tossico moroso accoltella pusher che nega “fornitura”. Preso

Correlati

Tossico moroso accoltella pusher che nega "fornitura". Preso
I militari di Torino con i coltelli

TORINO – È stato identificato l’uomo che ieri notte ha accoltellato in casa alla periferia nord del capoluogo piemontese un pusher senegalese di 29 anni, domiciliato a Torino. I carabinieri della compagnia Oltre Dora hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto Luca L., 33 anni, tossicodipendente, domiciliato a Torino, ritenuto responsabile di tentato omicidio.

Al culmine di una lite scaturita per un debito per l’acquisto di cocaina, Luca L. ha colpito il suo pusher personale con una coltellata al collo perché non voleva consegnargli altra cocaina.

La vittima è scesa in strada ed è salito su un taxi abusivo (kabou kabou) di un connazionale, che lo attendeva in strada, che lo ha accompagnato al pronto soccorso del San Giovanni Bosco, dove è stato operato e ricoverato in rianimazione in prognosi riservata per un accoltellamento al collo – emorragia da vaso carotideo con compressione tracheale”. Luca L. è stato fermato ieri sera e ha confessato. L’arma del delitto è stata recuperata vicino all’ospedale.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Analista media russo: “L’Occidente fa sua la sconfitta dell’Ucraina”

"Sta diventando sempre più chiaro che l’errore principale dell’Occidente non è stato nemmeno il tentativo di sconfiggere la Russia in Ucraina (cioè la scommessa di mantenere Kiev nella propria orbita), ma piuttosto equiparare la vittoria della Russia alla propria sconfitta"

DALLA CALABRIA

Locride, maxi sequestro di droga e armi da parte dei carabinieri

L’arsenale e l'ingente quantitativo di stupefacente erano occultati in parte all’interno di un’intercapedine creata ad hoc nel sottotetto di un’abitazione. Arrestata una persona

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)