27 Gennaio 2022

Banditi assaltano furgone portavalori sull’A14. Via col bottino

Stessa categoria

Banditi assaltano furgone portavalori sull'A14. Via col bottino Assalto armato a un furgone portavalori sull’A14 tra Rimini e Cesena. La banda di malviventi ha bloccato un furgone tra i caselli di Valle del Rubicone e Cesena Sud, in direzione nord.

Il commando, che sarebbe formato da almeno sei banditi, ha incendiato tre auto dopo averle intraversate sulla carreggiata nord, bloccando il furgone portavalori. Con un flessibile sono riusciti ad aprirlo e a vincere la resistenza delle due guardie giurate dentro la parte posteriore del mezzo e a portare via un bottino che potrebbe sfiorare il mezzo milione di euro. Per fuggire hanno rapinato della sua Mercedes un automobilista. Una rapina studiata a tavolino da “professionisti” del crimine.

I malviventi hanno sparato numerosi colpi di arma da fuoco. Secondo quanto scrive l’Ansa, è confermato che non ci sono feriti. Sul posto la Polizia sta ancora repertando i bossoli. I banditi sarebbero fuggiti sulla carreggiata opposta a quella del colpo, in direzione sud. La procura di Forlì indaga per rapina aggravata.

Ad essere assaltato è stato un furgone della vigilanza privata e trasporti valori Civis, con a bordo tre guardie giurate e partito da Rimini. Lunghe code in autostrada in entrambe le direzioni e posti di blocco alle uscite dei caselli più vicini.

Le ricerche sono scattate immediatamente, la competenza territoriale è della questura di Forlì-Cesena, mentre le forze dell’ordine di Rimini sta dando supporto tecnico per i posti di blocco. Anche un elicottero della polizia è partito da Bologna alla ricerca dei fuggitivi.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Licata, uccide 4 familiari tra cui due nipotini, poi tenta il suicidio

La strage sarebbe stata originata da una lite in famiglia per motivi di interesse legati alla suddivisione di alcuni terreni dove coltivano carciofi

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER