29 Febbraio 2024

Omicidio suicidio a Firenze, almeno 20 coltellate a Michela Noli

Correlati

Mattia Di Teodoro e Michela Noli. Forse omicidio suicidio in via Isolotto a Firenze
Michela Noli e Mattia Di Teodoro

Non sopportava che la donna che aveva sposato due anni prima fosse finita tra le braccia di un altro uomo appena un mese dopo la separazione. Sarebbe stata la gelosia a spingere il 33enne Mattia Di Teodoro a sferrare almeno una ventina di coltellate alla ex moglie Michela Noli. Il dramma è accaduto ieri sera in auto in via dell’Isolotto, zona periferica e isolata a Firenze.

L’uomo ha lasciato un biglietto a casa in cui chiede scusa ai suoi genitori e ai suoi suoceri e dove spiega il motivo del gesto. Non accettava la separazione. Poco prima, Di Teodoro, avrebbe inviato un sms a un amico per annunciare l’epilogo di una storia d’amore che si è “logorata” in appena due anni. Sposati nel 2014, un mese fa si sono rivolti agli avvocati per separarsi. I due non avevano figli.

Domenica pomeriggio l’ex marito, dipendente nella tipografia di famiglia chiama Michela Noli, hostess di terra all’aeroporto di Firenze, per avere forse dei “dettagli” sulla separazione. Un pretesto. Lei, che secondo quanto appreso dai media locali, di lui si fidava in quanto uomo “mite”, va all’appuntamento e lascia il telefono a casa. Sale in auto e Mattia Di Teodoro, che aveva con sé un coltello da cucina, la conduce in una stradina isolata che costeggia l’Arno.  Ferma l’auto e lì comincia l’orrore.

Almeno venti le coltellate che hanno raggiunto la donna. Lei ha tentato di difendersi e, secondo quanto emerso, si nota dalle ferite alle mani e alle braccia. Finita la ex, l’uomo si sferra qualche fendente alla gola e si suicida.

I corpi esamini sono stati trovati nella tarda serata di ieri a Firenze all’interno dell’auto di Di Teodoro, trasformata in un lago di sangue. Terrificante la scena apparsa agli uomini della Squadra mobile accorsa sul posto insieme al pm di turno Vincenzo Ferrigno.

Fin da subito gli inquirenti hanno privilegiato l’ipotesi omicidio-suicidio. Su entrambi i corpi, sono state rinvenute ferite inferte con un coltello. Arma ritrovata poi nella macchina. Il magistrato ha disposto l’autopsia su corpi.

Mattia Di Teodoro e Michela Noli, entrambi fiorentini, erano una coppia di coniugi sposata nel 2014 che era in via di separazione. Lei, secondo quanto trapelato avrebbe intrapreso, una nuova relazione ed era tornata a vivere a casa dei genitori. Lui non ha accettato che la loro storia finisse così le ha dato l’appuntamento fatale. Un dramma, quello dell’Isolotto che ha sconvolto tutto il Fiorentino.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Stoltenberg smentisce Macron: “La NATO non ha intenzione di inviare truppe in Ucraina”

Il presidente francese non aveva escluso questa ipotesi. Ira di Le Pen. Contrari i paesi dell'Est. Il primo ministro slovacco Robert Fico aveva dichiarato che alcuni membri dell’UE e dell'Alleanza atlantica stanno valutando la possibilità di inviare truppe militari nel paese di Zelensky sulla base degli accordi bilaterali con Kiev. Mosca osserva

DALLA CALABRIA

Truffa e peculato, interdette 4 persone, tra cui un medico e 2 infermieri

Operazione di carabinieri e finanzieri. Coinvolto anche un imprenditore del cosentino. Secondo la procura di Catanzaro avrebbero sottratto dispositivi medici e farmaci all'azienda ospedaliero universitaria "Dulbecco" per scopi privati

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)