3 Marzo 2024

Latiano (Brindisi), lite per soldi degenera e il padre uccide il figlio

Correlati

omicidio a Latiano, Antonio Di Cataldo ucciso dal padre Cosimo
Latiano (Brindisi)

Un uomo di 33 anni, Antonio Di Cataldo, è stato ucciso con un colpo di pistola alla testa dal padre Cosimo Di Cataldo, che si è poi costituito. E’ accaduto nella tarda serata di ieri a Latiano, in provincia di Brindisi.

Secondo quanto si è appreso, la vittima si sarebbe recato a casa del genitore per chiedere del denaro. Ne è seguita una accesa discussione, al termine della quale sono partiti colpi di revolver, alcuni dei quali lo ha centrato alla testa.

Il fatto di sangue si è verificato in un’abitazione che si trova nei pressi del campo sportivo. Sul posto si sono recati i carabinieri, la polizia e il medico legale Antonio Carusi.

Antonio Di Cataldo, da quanto trapela, non era la prima volta che andava dal padre per chiedere soldi. L’ennesima richiesta, e il padre non ce l’ha fatta più aprendo il fuoco con alcuni colpi di pistola. Il 33enne è morto pressoché sul colpo. Il delitto è avvenuto in presenza della madre della vittima e moglie del presunto omicida.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Genocidio dei palestinesi, Orsini: “Gaza e l’Olocausto”

di Alessandro Orsini su X "Gaza e l’Olocausto. Siccome nella scienza tutte le domande sono lecite, chiedo a voi: quale...

DALLA CALABRIA

Traffico e incendio di rifiuti tossici, due arresti nel reggino

I Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno eseguito stamane un’ordinanza di misura cautelare personale nei confronti di associazione...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)