7 Agosto 2022

Catania, uomo ucciso a Militello: fermato il presunto killer

Stessa categoria

Catania, uomo ucciso a Militello: fermato il presunto killerE’ fortemente sospettato di aver ucciso per un debito il 45 enne Francesco Barbanti mercoledì a Palagonia, nel Catanese. Per questa ragione, Febronio Gueli, 47 anni è stato sottoposto a fermo dai carabinieri con l’accusa di omicidio.

Il provvedimento, emesso dalla Procura della Repubblica di Caltagirone, scaturisce dalle serrate indagini dei militari andate avanti tutta la notte a seguito del rinvenimento del corpo dell’uomo sulla strada provinciale 74, tra Palagonia e Militello in Val di Catania.

Il movente, secondo quanto emerso dalle indagini, sarebbe riconducibile ad un debito che la vittima, incensurato di Militello, avrebbe contratto con il presunto killer. Scavando nella vita di Francesco Barbanti, gli inquirenti sono riusciti a chiudere il cerchio attorno ad Febronio Gueli che è stato fermato e associato nel carcere di Caltagirone in attesa dell’udienza di convalida.

Barbanti mentre si trovava vicino la sua auto in sosta lungo la SP74 sarebbe stato avvicinato e ammazzato con sette colpi di pistola, forse a bruciapelo, in uno scatto d’impeto. Sarà comunque l’autopsia ad accertare la dinamica e il numero di proiettili che hanno raggiunto l’uomo.

E’ presumibile che la vittima e il presunto killer si siano incontrati sulla strada provinciale per un chiarimento, ma in assenza di una intesa ne sarebbe nata una lite sfociata poi nell’omicidio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Bus per Medjugorje sbanda ed è strage, morti 12 pellegrini polacchi

Un bus polacco si stava recando per un pellegrinaggio da Varsavia a Medjugorje. Sabato mattina è uscito fuori strada. Le vittime potrebbero essere di più. Feriti gravi. Tra le ipotesi un probabile colpo di sonno dell'autista

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER