8 Dicembre 2021

Maltempo a San Severo, muore Raffaele Russi travolto dal fango

Stessa categoria

Maltempo a Foggia, muore Raffaele Russi trascinato dal fango a San Severo
Vigili del fuoco accanto alla macchina di Raffaele Russi morto travolto dal fango a San Severo (Ansa/Cautillo)

Un uomo di 65 anni, Raffaele Russi, è morto annegato a causa del maltempo nel Foggiano, trascinato dall’acqua e dal fango mentre la sua auto era andata in panne durante un violentissimo acquazzone. Secondo quanto riferito dalla Polizia stradale di Foggia, Raffaele Russi viaggiava a bordo di una Lancia Y e stava percorrendo la strada provinciale 35 che collega San Severo a Torremaggiore. L’incidente sarebbe avvenuto nella tarda mattina e il corpo dell’uomo è stato recuperato nel pomeriggio dai vigili del fuoco.

Acqua e detriti riversatisi in territorio a causa delle abbondanti piogge che imperversano hanno provocato la chiusura per 21 chilometri in entrambi i sensi di marcia della statale 272 ‘di San Giovanni Rotondo’ nel tratto che collega San Severo a San Marco in Lamis. Lo rende noto l’Anas. Nel dettaglio, tra il km 3,000 ed il km 6,000 la statale è interessata da riversamenti di acqua, provenienti da monte, che invade la sede stradale. Tra il km 15,000 ed il km 21,000 si segnala, invece, la presenza di detriti e materiale roccioso, franati sulla carreggiata dai versanti a monte adiacenti alla statale. Per entrambe le direzioni sono percorribili le strade locali.

Sempre a causa del maltempo, ci sono disagi per allagamenti anche lungo la strada statale 16 ‘Adriatica’ e sulla statale 89 ‘Garganica’. Per quanto riguarda la circolazione ferroviaria, nel pomeriggio, fa sapere Ferrovie dello Stato, dovrebbe riaprire la tratta Barletta-Spinazzola, chiusa ieri per la presenza di fango sui binari. Oltre che sulla Bari-Foggia, si segnalano ritardi per una decina di treni anche sulla tratta che collega Foggia a Termoli a causa di scariche atmosferiche che compromettono il regolare funzionamento dei sistemi di distanziamento fra treni.

Il presidente del comitato regionale per la Protezione civile, Ruggiero Mennea ha sottolineato che la provincia di Foggia e il nord Barese sono le aree più colpite dal maltempo. “Abbiamo visto foto di persone – ha detto – che a Margherita di Savoia camminavano con tavole da surf”, mentre a Porto Cesareo (Lecce) “sono in corso operazioni di evacuazione di alcuni disabili a causa della pioggia incessante”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER