23 Febbraio 2024

Omicidio a Siracusa, ucciso il panettiere Sebastiano Sortino. Fermati 3 giovani

Correlati

La vittima Sebastiano Sortino
La vittima Sebastiano Sortino (Fb)

Sono stati fermati con l’accusa di omicidio volontario in concorso e porto e detenzione di munizioni ed arma clandestina i tre giovani che erano sospettati dell’omicidio del titolare di un panificio, Sebastiano Sortino, 49 anni, ucciso due notti fa a Floridia (Sr).

I due minorenni sono stati trasferiti al centro prima accoglienza minori di Catania; il maggiorenne, Dylan Foti, 19 anni, è stato chiuso nel carcere Cavadonna di Siracusa.

Secondo i militari dell’Arma l’omicidio è scaturito per una vendetta dei tre giovani dopo un’accesa lite con la vittima. Dalla ricostruzione è emerso che alle 3 di sabato scorso, i tre giovani si sono presentati nel panificio come loro abitudine per consumare cornetti e pizzette.

Poi avrebbero iniziato a prendere e lanciare dei pezzi di pellet utilizzato per l’accensione del forno. Un comportamento chiassoso ed irriverente che ha indotto un dipendente a contattare il proprietario che si è precipitato nel panificio ed ha cacciato dal locale i tre giovani. Poi l’agguato.

Sebastiano Sortino, è stato ucciso a colpi di pistola a bordo della sua auto vicino al suo panificio. I carabinieri, che hanno avviato le indagini hanno interrogato Foti  e due minorenni.

I militari hanno messo alle strette i tre che avrebbero agito per futili motivi. Secondo una ricostruzione i tre giovani, uno solo quello che avrebbe premuto il grilletto, si sarebbero recati dal panettiere e lo avrebbero preso in giro.

L’uomo avrebbe reagito minacciandoli con uno dei suoi attrezzi da lavoro. Poco dopo Sortino sarebbe salito a bordo dell’auto ma giunto in via Boschetto è scattato l’agguato.

Sei bossoli sono stati invece ritrovati a terra ad una distanza che va dai sedici ai venticinque metri. Un solo colpo ha centrato Sebastiano Sortino sotto l’ascella, all’altezza del torace ed ha danneggiato i polmoni. Un colpo che si è rivelato mortale. Ancora nessun provvedimento è stato preso nei confronti dei tre giovani che devono ancora essere sentiti alla presenza degli avvocati.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Terrorismo, perquisizioni in Italia nella rete dell’attentatore di Bruxelles

Le abitazioni di diciotto immigrati nordafricani sono state perquisite dal Ros dei carabinieri e da agenti della Digos di...

DALLA CALABRIA

Sequestrati beni per 2,5 milioni a imputati processo antimafia

Beni per un valore di oltre 2,5 milioni di euro sono stati sequestrati dai finanzieri del Comando provinciale di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)