8 Dicembre 2021

Omicidio a Genova, ucciso Davide Di Maria. Due feriti

Stessa categoria

Omicidio a Genova, ucciso Davide Di Maria. Due feriti
La vittima, Davide Di Maria (Fb)

Omicidio a Genova. Un uomo di 28 anni, Davide Di Maria, è stato ucciso a colpi di pistola da ignoti in un appartamento di Molassana, quartiere della periferia di Genova.

Nella sparatoria sono state ferite due persone a coltellate: un nordafricano e un colombiano. Il fatto di sangue è avvenuto oggi pomeriggio alle 17 in salita San Giacomo, alture della Valbisagno.

Gli abitanti del palazzo hanno visto fuggire due sconosciuti a bordo di una moto e di un’auto. Sul posto gli agenti delle volanti e gli investigatori della squadra mobile.

Davide Di Maria abitava in corso Martinetti a Sampierdarena. Era aveva precedenti legati allo spaccio di stupefacenti e all’estorsione. E’ probabile che l’omicidio sia maturato in questo contesto.

Uno dei ricercati dalla polizia è scappato a bordo di una Fiat 600 di colore gialla. L’auto è stata incrociata dai poliziotti delle volanti mentre si allontanava dalla zona poco prima che ne venisse diramata la nota di ricerca dalla sala operativa del 113.

L’altro ricercato invece era a bordo di uno scooter nero Cmax. I due feriti, non gravi, ora ricoverati e piantonati all’ ospedale San Martino, sono il colombiano Christian Bareas Tavari, abitante a Bogliasco, e un senegalese. Loro potranno spiegare molti aspetti sugli autori dell’omicidio e sul movente.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER