17 Gennaio 2022

Operaio muore folgorato in un deposito Atac

Stessa categoria

Operaio muore folgorato in un deposito Atac
Un deposito Atac a Roma

Roma – E’ rimasto folgorato mentre stava riparando un pantografo, l’operaio di 53 anni morto questa mattina nel deposito Atac di via dei Campi Sportivi, all’Acqua Acetosa. Si tratta dell’ennesimo incidente sul posto di lavoro, la cui dinamica precisa è ancora da accertare.

L’uomo, secondo una prima ricostruzione stava riparando un pantografo ((uno strumento che permette di riprodurre disegni in scala), quando per cause ancora da accertare, è stato colpito da una scarica elettrica al alta tensione.

I sanitari del 118, immediatamente intervenuti, non hanno potuto far altro che constatare il decesso, dovuto probabilmente ad un arresto cardiaco. L’Atac “esprime profondo cordoglio per l’accaduto ed e’ vicina ai familiari”.

“Nessun ritardo puo’ costare una vita e in nessuna circostanza la pressione e la fretta per garantire un servizio adeguato alla domanda di trasporto possono sopperire alle carenze negli organici, nell’organizzazione del lavoro, negli investimenti sulla sicurezza.

Mancanze croniche, segnalate da anni e che adesso sarebbe troppo facile elencare, ma che conducono nelle peggiori ipotesi a questo genere di incidenti”. Cosi’ il segretario generale della Filt Cgil Roma e Lazio, Eugenio Stanziale, sull’incidente avvenuto nel deposito Atac “profondo cordoglio a nome di tutti i colleghi di Atac che si stringono intorno al dolore dei familiari”.

“Un incidente assurdo, su cui sta indagando la magistratura ma che, come ogni morte sul lavoro, poteva essere evitato – aggiunge Stanziale – ora non ci resta che sollevare l’ennesimo grido di dolore perche’ si intervenga immediatamente su una situazione che continua a degenerare.

Sulle spalle di chi lavora in Atac, proprio come su quelle dell’operaio vittima dell’incidente, ricade una responsabilita’ immensa che i dipendenti non possono assumere per fare fronte a disastrose gestioni aziendali. E’ necessario lavorare in sicurezza in Atac – chiede infine Stanziale – le procedure di lavoro devono essere rispettate, gli organici completati, i turni di riposo garantiti in ogni circostanza”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER