8 Dicembre 2021

Omicidio Anatolij Korol, condannati i killer dell’eroe ucraino

L'atroce delitto mentre l'uomo tentò di sventare una rapina in un market di Castello di Cisterna. Ucciso davanti alla figlia. Mattarella gli diede medaglia al Valore

Stessa categoria

omicidio Anatolij Korol condannati i killer
Marco di Lorenzo all’uscita dalla caserma dei Carabinieri di Castello di Cisterna dopo essere stato fermato per l’omicidio di Anatolij Korol (Ansa)

Sono stati condannati a 20 anni di carcere ciascuno i presunti assassini di Anatolij Korol, il muratore-eroe ucraino, ucciso la sera del 29 agosto 2015 per aver tentato di sventare una rapina in un supermercato di Castello di Cisterna, nel Napoletano.

Il giudice del Tribunale di Nola, Giuseppe Sepe, ha condannato, in primo grado, a 20 anni di carcere Gianluca Ianuale, 22enne reo confesso di aver sparato e ucciso Korol, e a 20 anni di galera anche il fratellastro Marco Di Lorenzo, 32 anni.

Condannato a 20 anni di reclusione poi, il 50enne Emiliano Esposito, mentre tre anni e quattro mesi sono stati inflitti al 40enne Mario Ischero, accusati di complicità nell’assassinio del muratore ucraino. Il giudice ha riconosciuto ai due presunti autori dell’omicidio, Ianuale e Di Lorenzo, (figli del boss della Cisternina) divenuti nel frattempo collaboratori di giustizia, le circostanze attenuanti generiche.

Per il suo gesto Anatolij, che ha lasciato moglie e due figli (di cui una bambina presente al momento dell’omicidio), è stato insignito della Medaglia d’Oro al valore civile dal Capo dello Stato Sergio Mattarella.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER